film #giffoni50

GODDESS OF THE FIREFLIES

Category: Generator +18

Sinossi
Per il suo sedicesimo compleanno, Catherine riceve un lettore portatile di CD, il libro Christiane F e il permesso di andare al centro commerciale. È anche il giorno in cui suo padre schianta deliberatamente la Jeep di sua madre contro un muro. Catherine sta affrontando l'adolescenza proprio mentre i suoi genitori stanno per divorziare ma non le importa. È troppo impegnata a gestire Mélanie Belley, che la terrorizza senza motivo e a salire la scala sociale del suo liceo rubando il ragazzo proprio a Mélanie, Pascal. Catherine è ansiosa di imparare tutto, ma i suoi esperimenti non saranno né dolci né romantici. Da Pascal a Keven, da una disavventura all'altra, Catherine cresce nel caos spettacolare e violento della scena grunge degli anni '90.

Titolo Originale LA DÉESSE DES MOUCHES À FEU
Categoria In concorso
Sezione Generator +18
Tipologia Lungometraggio
Anno di Produzione 2020
Durata 105'
Nazionalità Canada
Regia di Anaïs Barbeau-Lavalette
Sceneggiatura Catherine Léger
Tratto dal libro "La déesse des mouches à feu"
di Geneviève Pettersen
Fotografia Jonathan Decoste
Montaggio Stéphane Lafleur
Scenografia André-Line Beauparlant
Costumi Sophie Lefebvre
Suono Sylvain Bellemare
Musiche Mathieu Charbonneau
Interpreti principali Kelly Depeault
Caroline Néron
Normand D'Amour
Éléonore Loiselle
Robin L'houmeau
Noah Parker
Prodotto da Luc Vandal

regista Anaïs Barbeau LavaletteANAÏS BARBEAU-LAVALETTE
Anaïs Barbeau-Lavalette è nata nel 1979. Nel 2012 viene nominata Artiste pour la Paix. Ha diretto numerosi documentari pluripremiati, tra cui LES PETITS PRINCES DES BIDONVILLES (2000), SI J'AVAIS UN CHAPEAU (2006), LES PETITS GÉANTS (2009, vincitore del premio Gémeaux), SE SOUVENIR DES CENDRES (2010) - che documenta l'avventura della realizzazione del film LA DONNA CHE CANTA di Denis Villeneuve e ha vinto il Gémeaux come miglior documentario - e LE PLANCHER DES VACHES (2015). Ha diretto tre lungometraggi di finzione: LE RING (2007, selezione ufficiale ai festival di Toronto e Berlino), INCH'ALLAH (2012, selezione ufficiale a Toronto e Berlino - Premio della critica internazionale Fipresci, Premio della giuria ecumenica) e GODDESS OF THE FIREFLIES. Quest'anno, realizzerà un adattamento del romanzo Chienblanc di Romain Gary. È autrice del diario di viaggio Embrasser Yasser Arafat (2011), del libro per bambini Nos héroïnes (2018) e dei romanzi Je voudrais qu'on m'efface (2010) e La femme qui fuit (Prix des libraires du Québec, Grand Prix de la ville de Montréal, Prix France-Québec, eletto bestseller del decennio 2010-2020), molto apprezzato dai critici e dai lettori, edito in Italia da Elliot con il titolo Suzanne. La donna che fuggì.

Dichiarazioni del regista
"Non dimenticherò mai il giovane commesso della libreria, i suoi occhi pieni di certezza ed eccitazione, mentre mi mostrava una copia fresca di stampa de La Déesse des mouches à feu. “Leggi questo. È il romanzo dell'anno". Era il 2014. L'ho letto tutto d’un fiato e il giorno dopo ho chiamato il mio produttore: "Voglio trarre un film da questo romanzo". E volevo farlo perché è la prima volta che mi viene raccontata la storia della mia generazione. La Déesse des mouches à feu è una storia per ragazzi unica. Assistiamo al sottile ma significativo punto di non ritorno di Catherine. La sua maggiore età, il suo passaggio da adolescente a giovane donna, raccontato in una storia torturata, passionale e carnale. Il successo del romanzo è la prova della sua forte risonanza. Vogliamo conoscere il lato oscuro della nostra adolescenza, non importa quanto dolorosi possano essere stati quegli anni. Ci piace ricordare da dove veniamo. Da quel periodo travagliato, quando le nostre emozioni sono nebulose e sfocate. Ci piace rivisitare i primi stimoli dell'amore, i corpi che si scoprono a vicenda, che si decifrano goffamente a vicenda, il desiderio di piacere e di essere accettati, sentimenti di mancanza di scopo, solitudine, isolamento - sentimenti tipicamente adolescenziali. C'è qualcosa di bello in quell'età: raccontandola ancora e ancora, la natura stessa della storia va ogni volta dritta al cuore. Il semplice atto di narrare la storia dell'umanità in erba in un mondo complicato ispira empatia e persino nostalgica comprensione. […] Quei primi esitanti passi nell'età adulta mi scuoteranno e mi ispireranno sempre".

 

produzione
Coop Vidéo de Montréal
(Canada)
www.coopvideo.ca

distribuzione internazionale
festival contact
Wazabi Films
(Canada)
datsitsphere.tv/fr/a-propos/wazabi/