logo 2012

GIFFONI EXPERIENCE 2012 - 14.24 luglio

Sezioni e Film

THE FOSTER BOY

Category: Edizione 2012

Synopsis
Switzerland, 1955. The young orphan Max is sent as a foster child and contracted to work for the Bösiger family who lives on a farm. But instead of finding love, his foster parents treat him like a work animal, and their son Jakob is jealous of Max and enjoys degrading him. The only solace for Max is his accordion, which he plays with remarkable dexterity. When a new teacher from the city recognizes his talent for music, Max gets the chance to perform in front of the entire community. However, Max’s life at farm only gets worse. Max finds a new solace in his friendship with Berteli, a young girl fatherless, a foster child contracted to the Bösigers. Max and Berteli dream about going to Argentina, a dream land of meat and accordions. But tragedy strikes at the Bösiger farm. Max manages to escape and sets out to turn his dream of Argentina into reality, armed only with his accordion.



Sinossi
Svizzera, 1955. Il giovane Max, orfano, viene mandato a lavorare come garzone in una fattoria e affidato a una coppia di contadini, i Bösiger. Ma, invece di dargli affetto, i due contadini lo sfruttano crudelmente, mentre il figlio dei Bösiger, Jakob, geloso di Max, si diverte a umiliarlo. L’unico sollievo di Max è la fisarmonica, che egli suona da virtuoso. Quando una nuova insegnante venuta dalla città riconosce il suo talento, Max si vede offrire l’occasione di esibirsi di fronte alla comunità. Tuttavia la sua vita alla fattoria peggiora, e Max trova un nuovo conforto nell’amicizia con Berteli, una ragazza orfana di padre assunta dai Bösiger. Max e Berteli sognano l’Argentina, un posto lontano e meraviglioso pieno di carne e fisarmoniche. Ma la tragedia colpisce la fattoria. Max, armato solo della sua fisarmonica, riesce a scappare, con la speranza di raggiungere la terra dei suoi sogni.

 

Titolo Originale Der Verdingbub
Categoria In concorso
Sezione Generator +13
Tipologia Lungometraggio
Anno di Produzione 2011
Durata 108’
Nazionalità Germania, Svizzera
Regia di Markus Imboden
Sceneggiatura Plinio Bachmann
Con la collaborazione di Jasmine Hoch
Fotografia Peter von Haller
Montaggio Ursula Hoef
Scenografia Marion Schramm, Andi Schraemli
Costumi Claudia Fluetsch
Musiche Ben Jeger
Interpreti principali Max Hubacher (Max)
Lisa Brand (Berteli)
Katja Riemann (Bösigerin)
Stefan Kurt (Bösiger)
Max Simonischek (Jakob Bösiger)
Miriam Stein (Esther)
Prodotto da Peter Reichenbach, Claudia Schröder



Markus-ImbodenMarkus Imboden
Born 1955, Interlaken (Switzerland). He studied German and History at the University of Zurich. From 1981 to 1986 he was director’s assistant at Theater An der Winkelwiese in Zürich, Schauspielhaus Zürich and Schauspielhaus Köln. Afterwards he directed several TV series, TV movies, and theatrical feature films such as KATZENDIEBE (1996) and COMEDIAN (KOMIKER, 2000).

 



Markus Imboden
Nato nel 1955 a Interlaken (Svizzera). Ha studiato Tedesco e Storia all’Università di Zurigo. Dal 1981 al 1986 ha lavorato come assistente alla regia per i teatri An der Winkelwiese di Zurigo, Schauspielhaus di Zurigo e Schauspielhaus di Colonia. In seguito ha diretto serie televisive, film per la tv, e lungometraggi per il cinema come KATZENDIEBE (1996) e COMEDIAN (KOMIKER, 2000).

 

 

Director’s statement
THE FOSTER BOY is a simple, no-frills story. It takes a position, challenges injustice, takes a stand for culture and civilization and a stand against treating people like livestock. The story illustrates the dishonesty hiding under the cloak of traditions – holding tight onto traditions in order to hold tight onto one’s prejudices. The camera does not historicize. A distance is not created. We observe the people in a modern and relaxed manner. Without betraying the tragedy, the film is also light and easygoing. It strives to follow the path of happiness as much as it strives to follow the path of unhappiness. A clear story with distinct images and well-defined characters. Nothing is meant to denounce them. Everyone has their problems, everyone has their own view of things. Everyone is right, in their own way. The film is not dark, it’s colorful (in Emmental the meadows are lush and green, nature is abundant, the sky is blue, the thunderclouds majestic). The landscape plays a role in the film, one of the lead roles. Over and over again, we see this intact nature. It lends a beautiful quality to the film. Max comes alive in these natural surroundings, he discovers meaning and a sense of duty in farming. He likes to work in the fields, he tries hard, and he receives recognition and satisfaction through physical work. THE FOSTER BOY is, of course, a drama: At one point things take their relentless course, like in a Greek tragedy. This shouldn't be shown in a dark manner, only in a serious manner. 

 

Dichiarazioni del regista
THE FOSTER BOY è una storia semplice e austera, che attacca le ingiustizie, prende posizione a favore della cultura e della civilizzazione e contro il maltrattamento delle persone. La storia mostra la falsità che si nasconde dietro la maschera della tradizione, dietro l’ancorarsi alla tradizione al fine di mantenere i propri pregiudizi. La macchina da presa non storicizza. Non crea distanza. Osserva le persone in modo moderno e disinvolto. Pur rispettando gli schemi della tragedia, il film è anche lieve e spiritoso, cerca di seguire la traiettoria della felicità e al contempo quella dell’infelicità. È una storia pura, con immagini terse e personaggi ben definiti. Nessuno è condannato. Ognuno ha i suoi problemi, la sua visione delle cose. Ognuno ha le sue ragioni. Il film non è cupo, ma ricco di colori (nell’Emmental i prati sono verdi e rigogliosi, la natura è florida, il cielo è blu, le nuvole sono maestose). Il paesaggio è uno dei protagonisti del film. La natura incontaminata viene mostrata ripetutamente, è un valore estetico aggiunto. In questi ambienti naturali Max si ravviva, nella vita rurale scopre il significato e il senso del dovere. Gli piace lavorare nei campi, ce la mette tutta, e dal lavoro fisico riceve appagamento e soddisfazione. THE FOSTER BOY è sicuramente un film drammatico: a un certo punto le cose prendono il loro corso implacabile, come in una tragedia greca. Tuttavia, ciò non viene mostrato in modo cupo, ma in un modo serio, rigoroso.

 


produzione/production
festival contact

C-Films AG
Hallenstrasse 10, Postfach, 8032 Zurich - Switzerland
phone +41 442536555
fax +41 442515253
www.c-films.ch
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
distribuzione internazionale/world sales
Global Screen GmbH
Sonnenstr. 21, D-80331 Munich - Germany
phone +49 892441295500
fax +49 892441295520
www.globalscreen.de
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.