logo 1996

GIFFONI FILM FESTIVAL 1996 - 27 luglio.4 agosto

Sezioni e Film

CELLULOIDE

Category: Edizione 1996

Sinossi
Nel giugno 1944 Roma è stata liberata. Roberto Rossellini e Sergio Amidi sognano un film che racconti le vicende dei romani sotto l’occupazione tedesca. I loro progetti sono divergenti. Amidei pensa ad un film con personaggi tipici dell’arte di arrangiarsi. Rossellini sente l’urgenza di una testimonianza più alta e universale. Il produttore, Peppino Amato, crede di partecipare ad un’innocua commedia dialettale; due star, Aldo Fabrizi e Anna Magnani, partecipano al progetto con un compenso simbolico. Questa la storia di Roma, Città Aperta.

Titolo Originale Celluloide
Titolo Italiano Celluloide
Categoria Fuori concorso
Sezione Omaggi
Tipologia Lungometraggio
Anno di Produzione 1996
Durata 110'
Nazionalità Italia
Regia di Carlo Lizzani
Sceneggiatura Carlo Lizzani, Ugo Pirro
Interpreti principali Giancarlo Giannini, Massimo Ghini, Anna Falchi

 regista carlo lizzaniCARLO LIZZANI

Carlo Lizzani (Roma, 3 aprile 1922) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.
Dopo aver partecipato in qualità di partigiano alla Resistenza romana con Carla Capponi, Ezio Malatesta e Filiberto Sbardella, aderì al Partito Comunista Italiano.
Critico e saggista (autore fra l'altro di una Storia del cinema italiano, 1953, 1961 e 1979) sceneggiatore per registi quali Aldo Vergano, Giuseppe De Santis, Roberto Rossellini e Alberto Lattuada nel periodo neorealista, esordì col documentario Nel Mezzogiorno qualcosa è cambiato (1950) e col film Achtung! Banditi! (1951).
Tra i film da lui diretti vanno ricordati: Cronache di poveri amanti (1954), Il processo di Verona (1963), Banditi a Milano (1968), Crazy Joe (1973), Mussolini ultimo atto (1974), Storie di vita e malavita (1975), Fontamara (1980), La casa del tappeto giallo (1983), Mamma Ebe (1985), Caro Gorbaciov (1988), Cattiva (1991), Celluloide (1995), oltre agli sceneggiati televisivi Nucleo Zero (1984), Un'isola (1986) e La trappola (1989).
Dal 1979 al 1982 diresse la Mostra del Cinema di Venezia. Nel 1998 pubblicò la raccolta di suoi scritti di vario genere Attraverso il Novecento, in cui trovano posto anche aneddoti sul mondo del cinema neorealista italiano. Fu inoltre tutore del corso di Filmmaker dell'Accademia Act Multimedia di Cinecittà.