Venerdì, 30 Settembre 2022 17:21

Giffoni, Paestum, Pontecagnano: al via una collaborazione politica e filosofica per superare la crisi

Sarà un percorso politico e filosofico quello che Giffoni intraprenderà, già a partire da gennaio, con i musei del territorio. Per ora si parte con quelli di Paestum e di Pontecagnano, con i quali, già in passato, ci sono state preziose collaborazioni. Ma l'obiettivo ben più ambizioso è quello di ampliare la rete facendo squadra nel segno della cultura. Se ne è discusso questa mattina a Paestum, alla presenza del fondatore di Giffoni Claudio Gubitosi, del director manager Jacopo Gubitosi e delle due direttrici Tiziana D'Angelo e Ilaria Menale. E' stata ribadita la volontà di realizzare 10 short film che avranno il compito di raccontare ai ragazzi un'area archeologica o un museo, partendo da un'opera simbolo, come il Tuffatore nel caso di Paestum o il vaso del lupo cattivo per Pontecagnano. Reperti iconici, dietro i quali si nascondono particolari poco noti e curiosità che si prestano a una molteplicità di storytelling mirati ad avvicinare il pubblico dei teen, e non solo, ai vasti patrimoni che la Campania custodisce. Ma c'è molto di più.

In un momento storico delicatissimo contrassegnato dalla crisi economica, dalla guerra, dai rincari, dalle aziende che abbassano ogni giorno le saracinesche lasciando in difficoltà le famiglie, dalla guerra e dai terremoti psicologici che tutto questo insieme di fattori scatena nei giovani ma anche negli adulti, dobbiamo ripensare al nostro ruolo ed osare, senza timori. C'è bisogno di choc, di nuove rivoluzioni - ha spiegato Gubitosi - Dobbiamo essere in grado, con tutti gli strumenti a nostra disposizione, di far colloquiare le epoche, proprio come alcune istituzioni museali fanno, mettendo a confronto il passato e il contemporaneo. Questo ci aiuterà a ragionare sul rapporto tra i popoli. La cultura è un'arma potente ed è arrivato il tempo giusto per usarla senza timori. A breve a Giffoni apriranno le prime startup che coinvolgeranno tantissimi giovani: a noi si rivolgono grandi brand che ci chiedono aiuto per risolvere problemi, perché abbiamo le intelligenze e le competenze per poterlo fare. Ma tutto parte dalla vocazione umanistica e filosofica che ci siamo dati. Un motivo in più per essere vicini ai musei che hanno queste vocazioni nel loro Dna”.

Rapporto con il territorio, senso di identità, internazionalizzazione, sono state le parole chiave di un dialogo costruttivo per mettere a fuoco le strategie che verranno messe in campo all'insegna della condivisione e dell'interscambio. Per il momento Giffoni ha messo a disposizione dei musei di Paestum e Pontecagnano le sue strutture e saranno tanti i progetti di collaborazione che nasceranno da qui ai prossimi mesi. “Lavoriamo per la stessa missione – ha chiarito la direttrice di Paestum, Tiziana D'Angelo – Per noi è una collaborazione importante, che segna una linea di continuità, perché Giffoni, Paestum e Velia sono amici da molto tempo e si possono sempre costruire nuove storie. Chissa se i giffoner - ha detto scherzando - non troveranno finalmente quella risposta che archeologici e studiosi non sono riusciti a dare da più di cinquant'anni sul Tuffatore. Abbiamo parlato di territorio, di identità, di internazionalizzazione, di come facendo rete con il territorio possiamo rendere internazionale il nostro patrimonio. Siamo sulla strada giusta”.

In quest'ottica, nel 2023, a Paestum si terrà un convegno internazionale sui rapporti tra il Mediterraneo e l'Asia: non solo arte e archeologia, ma anche geopolitica con una serie di attività collaterali capaci di attrarre un bacino d'utenza sempre più ampio. “Il nostro vaso con il lupo cattivo che insegue una gorgone sarà presto protagonista di una delle storie che costruiremo con Giffoni. Vi invito a scoprire il nostro museo. Ringrazio Gubitosi. Questo è un momento importante per Pontecagnano per aprirsi ancora di più al territorio insieme a dei partner importanti, come il festival di Giffoni che parla non solo all'Italia ma al mondo – ha precisato la direttrice del museo di Pontecagnano Ilaria MenaleCoinvolgendo anche la direzione dei musei regionali riusciremo certamente a portare le nostre bellezze all'attenzione del mondo”. Anche Pontecagnano sta lavorando a un dialogo con il contemporaneo, nel solco di quella che fu la volontà della compianta Giovanna Sessa, senza perdere di vista il grande progetto dell'ecomuseo dei Picentini al quale per ora hanno aderito sei Comuni.

Leggi anche