Venerdì, 16 Settembre 2022 15:33

Riparte Giffoni Multicinema: dal 18 al 22 settembre con “Cinema in festa” i film più attesi della stagione con la tecnologia del 4K e del Dolby Atmos a soli 3.50 euro

Giffoni torna ad aprire le porte delle sue sale per riproporre l’emozione del grande schermo a ragazzi e adulti, cinefili e famiglie. Dal 18 al 22 settembre, anche il multisala di Giffoni aderisce a “Cinema in Festa”, promosso dal Ministero della Cultura, Anec e Anica e con biglietti d’ingresso al prezzo di 3,50 euro.

Si comincia con DC LEAGUE OF SUPER-PETS (spettacolo unico ore 17.00) di Jared Stern e Sam Levine, distribuito da Warner Bros Italia. Protagonisti gli animali domestici dotati di superpoteri della DC Comics. In particolare la storia ruota attorno a Krypto (Lillo), il super cane di Superman, con il quale condivide i poteri e la battaglia contro criminalità nella città d Metropolis. Quando Superman e tutta la Justice Lerague vengono rapiti, Krypto dovrà cercare aiuto per salvarli. È così che il che Superdog mette su una squadra improvvisata di animali domestici, che dovranno non solo salvaguardare Metropolis, ma soprattutto portare in salvo gli eroi rapiti. Nel team messo su da Krypto vi sono Asso il Bat-Segugio (Maccio Capatonda), il cane dell'Uomo Pipistrello, MP la paffuta maialina, Merton la tartaruga e Chip lo scoiattolo; ognuno di loro ha un potere che lo rende speciale.

E ancora IL SIGNORE DELLE FORMICHE (doppio spettacolo alle 19.00 e 21.15) di Gianni Amelio. Il film si ispira alla storia di Aldo Braibanti (Luigi Lo Cascio), il drammaturgo e poeta, condannato alla fine degli anni 60 a nove anni di reclusione con l’accusa di plagio, cioè di aver sottomesso alla sua volontà, in senso fisico e psicologico, un suo studente e amico da poco maggiorenne (Leonardo Maltese). Il ragazzo, per volere della famiglia, venne rinchiuso in un ospedale psichiatrico e sottoposto a una serie di devastanti elettroshock, perché "guarisse" da quell’influsso "diabolico". Alcuni anni dopo, il reato di plagio venne cancellato dal codice penale. Ma in realtà era servito per mettere sotto accusa i "diversi" di ogni genere, i fuorilegge della norma. Prendendo spunto da fatti realmente accaduti, il film racconta una storia a più voci, dove, accanto all'imputato, prendono corpo i famigliari e gli amici, gli accusatori e i sostenitori, e un’opinione pubblica per lo più distratta o indifferente. Solo un giornalista s’impegna a ricostruire la verità, affrontando sospetti e censure.

Ultimo film in programmazione, dal 18 al 22 settembre, BULLET TRAIN di David Leitch. Il lungometraggio è ambientato nel Giappone dei giorni nostri e racconta la storia di alcuni assassini di professione, che mentre viaggiano su un treno ad alta velocità per motivi diversi, si rendono conto che i loro incarichi individuali sono connessi tra loro. Tra questi c'è Ladybug (Brad Pitt), che viene incaricato di salire su un treno per recuperare una valigetta. Prima della missione, però, gli viene fornito del materiale, tra cui anche una pistola, che Ladybug si rifiuta di prendere per dimostrare di essere un uomo nuovo. Peccato che, una volta salito a bordo, scopra di non essere l'unico intenzionato a impadronirsi della valigia, ma che altri killer si aggirano tra i vagoni, accomunati dallo stesso scopo, sebbene per ragioni diverse. Mentre la corsa di questo treno senza sosta ha inizio, per Ladybug comincia anche una lotta tutti contro tutti.

Leggi anche