Giovedì, 22 Luglio 2021 09:12

I film in concorso il 22 luglio 2021


Sognare una vita diversa e vivere avventure speciali: questi i temi al centro della seconda giornata di Festival, la prima con i film in concorso

Si parte alle 10 presso la Sala Truffaut con una proiezione per i ragazzi della sezione Generator +13. Il film è THE TRUE ADVENTURES OF WOLFBOY (Usa 2020) e la regia di Martin Frejcí: Dura la vita di un ragazzo lupo! Paul soffre di una malattia conosciuta come ipertricosi congenita che gli rende impossibile vivere una “vita normale”. Ma per il suo 13° compleanno un dono inaspettato gli cambia l’esistenza. Sempre alle 10, poi in replica alle 14,30, Sala Alberto Sordi, MY VERY OWN CIRCUS (Canada 2020) regia di Miryam Bouchard verrà sottoposto ai ragazzi della sezione Elements +10: Laura ha il suo destino segnato: dovrà seguire la tradizione familiare che la vede diventare una circense professionista. Un’insegnante però, le dice che ha un grosso potenziale e che dovrebbe studiare per diventare qualcuno. Bill, il padre spirito libero e legato alla professione di famiglia, accetterà?

Ore 10, poi in replica alle 14,30 Sala Lumière, per i piccoli Elements +6, JIM BUTTON AND THE WILD 13 (Germania 2020) regia di Dennis Gansel: Il Macchinista Lukas e Jim Button continuano le loro fantastiche avventure. Un drago sconfitto la scorsa volta non è nulla in confronto ai pirati “The Wild 13” che vogliono vendetta. Intanto Jim vuole conoscere la verità sulle sue origini e lo fa con i suoi amici d’avventure. Per la sezione Generator +16 alle ore 14,30 Sala Truffaut BROTHER’S KEEPER (Romania,Turchia 2021) regia di Ferit Karahan: Siamo in Anatolia orientale, la storia di due amici Ysuf e Memo, che cercano di vincere gli ostacoli imposti dagli adulti, in un contesto difficile e complicato per due giovani che cercano libertà. Sala Galileo, per la sezione Gex Doc, alle 14,45 GABI – BETWEEN AGES 8 AND 13 (Norvegia, Svezia 2021) regia di Engeli Broberg: Un percorso di cambiamento di 5 anni, da assistere tutto d’un fiato. La piccola Gabi, 8 anni, ha l’esigenza di sentirsi se stessa, anche se questo dovesse significare indossare abiti da ragazzo e lottare contro i preconcetti della società

Leggi anche