Venerdì, 02 Ottobre 2020 16:04

Cinema e digitale, un successo che supera le distanze: si è conclusa l’ottava edizione di Giffoni Macedonia Youth Film Festival

Ancora una volta il cinema diventa punto di incontro per generazioni, superando ostacoli e affrontando le sfide del nostro tempo: si è conclusa l'ottava edizione di Giffoni Macedonia Youth Film Festival, l’evento - organizzato da Giffoni Opportunity insieme all’associazione Planet M - che partendo da Skopje ha collegato juror, cultura e idee puntando anche sull’online.

Cofinanziato dall’Agenzia Nazionale per il Cinema della Macedonia del Nord, dal Dicastero della Cultura macedone, con il contributo per l’Italia del Ministero dei Beni e le Attività Culturali - Direzione Generale Cinema e Audiovisivo e sostenuto dall’Ambasciata di Italia a Skopje, il progetto ha coinvolto una giuria di duecento ragazzi suddivisi in: juniors (dai 10 ai 14 anni), cadets (dai 14 ai 16 anni) e seniors (dai 16 ai 19 anni), affiancati dagli hub macedoni ed esteri. Sessanta i giurati che hanno rappresentato le diverse delegazioni internazionali,  di cui ben 15 italiani in diretta dalle Sale Blu e Verde della Giffoni Multimedia Valley

Divisi tra cadets e seniors, Simona ArcielloNicola BottiglieriAndrea BrancaccioGabriella CascielloAnna Di MuroGiacomo GabolaPaolo GiannattasioRacheleantonia RussoMario Marcello CesaroNicola Di MeoFrancesco GabolaGiulia MancinoClarissa RussomandoDaniela Senatore Giacomo Vassallo hanno votato i film in concorso, partecipato alle masterclass e dialogato con i loro coetanei in collegamento  da GreciaBulgariaTurchiaSerbiaRomaniaCroaziaSpagnaPoloniaRussiaUcraina, Azerbaijan e Macedonia.

«Ero certo che anche questa edizione sarebbe stata entusiasmante e coinvolgente - ha detto l’ideatore e direttore di Giffoni Opportunity, Claudio Gubitosi - la sfida, iniziata otto anni fa, è oggi una realtà consolidata che poggia sull'energia dei ragazzi e sulla loro voglia di futuro. Grande è stata l’attenzione e l’affetto che nel tempo ci sono stati dimostrati: penso all’ottimo lavoro svolto da Darko Basheski, direttore di Giffoni Macedonia e Dea Krstevska, program director. In particolar modo desidero ringraziare l’ambasciatore italiano a Skopje, Carlo Romeo, un uomo dalla sensibilità e la visione straordinaria che ha sempre seguito con interesse e partecipazione le attività di Giffoni in Macedonia del Nord - e ha continuato - Sostenere questo appuntamento era necessario e potevamo farlo solo esportando il modello di #Giffoni50: una formula che non solo funziona ma ha dimostrato di poter superare qualsiasi barriera e offrire ai ragazzi occasioni di dialogo e confronto, in attesa di rivederli in sala».

Tre i film vincitori: MIO FRATELLO RINCORRE I DINOSAURI di Stefano Cipani (Italia, juniors); LA VIDA SENSE LA SARA AMAT di Laura Jou (Spagna, cadets) e NOTRE-DAME DU NIL di Atiq Rahimi (Francia, seniors). Per la categoria cortometraggi hanno invece trionfato: LUCE & ME di Isabella Salvetti (Italia, juniors) e THE SUIT di Maurizio Ravallese (Italia, cadets e seniors). Nell'ambito della sezione animati, ha invece vinto NESTLING di Marat Valerievich Narimano (Russia), mentre per i corti realizzati dagli studenti (votati da Cadets e Seniors) la scelta è caduta su THROUGH THE LENS OF DESIRE di Roze Simonovska.

Soddisfatto anche Darko Basheski, direttore di Giffoni Macedonia: «Abbiamo rischiato: abbiamo messo in piedi una piattaforma digitale mai sperimentata prima e abbiamo proposto un programma pieno, con quattro film per categoria, oltre ai cortometraggi, otto workshop e due masterclass ogni giorno. Non sapevamo come sarebbe stata accettata questa versione “diversa” e il riscontro ottenuto ci ha positivamente sorpresi - ha chiarito - Non solo i ragazzi hanno partecipato attivamente e con enorme interesse a tutte le attività online, ma anche alle proiezioni serali all'aperto. Ringraziamo i nostri amici di Giffoni Opportunity per la preziosa collaborazione, il supporto e la partecipazione numerosa e attiva a questa edizione di Giffoni Macedonia. Un particolare ringraziamento al direttore Claudio Gubitosi per aver regalato ai nostri giurati un’ora e mezzo di esperienza e di saggezza. I suoi consigli su come avere il coraggio di ascoltare e di dare voce alle proprie idee sono stati uno stimolo in più per continuare sulla loro strada, quella che hanno intrapreso diventando dei giffoner. Ancora una volta, dunque, il modello Giffoni si è rivelato vincente».

Nella giornata finale del festival, che ha visto protagonista in collegamento dall'Italia, la regista Chiara Rapisarda, autrice del corto L'OSPITE, sono stati resi noti i due giurati che faranno parte della delegazione macedone nella giuria internazionale della 51esima edizione del Giffoni Film FestivalKaja Domazetovska e Milena Kosovska, che si aggiungono a Marija Nikolaevska e Mila Naumovska, già selezionate nel 2019.

«Quest’anno è stato anomalo, ma ci ha portato delle novità interessanti. Ovviamente niente può sostituire lo stare insieme, tuttavia, alcune novità che abbiamo introdotto e sperimentato in questa edizione online hanno superato brillantemente la prova e non vedo perché non si debbano mantenere come prassi anche per il futuro, quando il festival tornerà al cinema - ha commentato la program director, Dea Krstevska - Tra questi, la partecipazione online di giurati provenienti di Paesi lontani, che negli anni precedenti non sono venuti a Skopje a causa di difficoltà logistiche. Giffoni Macedonia ha provato che la distanza si supera grazie alla tecnologia e che la collaborazione e le amicizie non conoscono ostacoli».

Leggi anche