Sabato, 29 Agosto 2020 20:22

#Giffoni50, Samuel racconta le origini e il percorso dei Subsonica

Dal 1996 frontman dei Subsonica Samuel Umberto Romani è un cantante e chitarrista con alle spalle anche esperienze parallele come Krakatoa e Motel Connection, formazioni dance ed electro. Con i Subsonica ha pubblicato otto album, l’ultimo con brani inediti è uscito a maggio per RCA dal titolo “Mentale strumentale” mentre prima del lockdown hanno pubblicato per il suo ventennale la rivisitazione dello storico Microchip Emozionale, ma intitolato Microchip Temporale, con la partecipazione della new wave italica.

Ma Samuel è anche un solista che ha partecipato a Sanremo e a settembre tornerà con un nuovo singolo che, dopo l’esperienza come giurato a X Factor, lo proietterà nuovamente nella discografia. Per la prima volta a Giffoni ha incontrato i giffoner con molto argomenti sull’attuale scena musicale e aneddoti curiosi . “Ho iniziato suonando in un gruppo che coverizzava le sigle dei cartoni animati. Gli inizi con gli Amici di Roland erano solo un divertimento. Ma io avevo già le mie idee musicali che ho trasferito a Max Casacci e Boosta e cosi sono nati i Subsonica”. Il suo rapporto con le nuove generazioni di fans parte dal concetto di “La musica taglia il tempo”, per cui riconoscersi in un momento passa attraverso l’a-temporalità delle canzoni che il musicista rappresenta.

Avere una carriera così longeva non è da tutti e Samuel, con i suoi compagni è un caso raro: “Ascoltando le nostre canzoni si evince anche quali caratteristiche avevamo sia personali che artistiche ed essendo molto amalgamati siamo riusciti, nonostante le scelte di vita diverse, a restare uniti”. Formare un gruppo è sempre complicato ed ogni componete spinge verso le proprie idee e gusti. I Subsonica sono nati in un periodo storico dove era necessario avere un’idea forte ed unica: “Nei 90 c’erano gruppi di riferimento che ci hanno permesso di sviluppare la nostra idea di musica che era mischiare il rock con l’elettronica. Poi i concerti ci hanno definitivamente formato come gruppo. Con il primo disco abbiamo fatto oltre 200 concerti che ci hanno permesso di diventare coesi”. “Siamo stati nel 97-98 - continua Samuel - il primo gruppo italiano a mettere in rete un nostro brano in Mp3, era Tamagochi Killer; e questo fa capire quanto eravamo avanti”.

Leggi anche