Venerdì, 28 Agosto 2020 15:13

Sul più bello, il trailer e le prime scene inedite svelate a #Giffoni50

Sarà il nuovo teen dramedy made in Italy dell’autunno: Sul più bello, in uscita il 22 ottobre su produzione Eagle Pictures, è l’opera di debutto di Alice Filippi, presentata in anteprima con le prime immagini a #Giffoni50 dai protagonisti, Ludovica Francesconi, Eleonora Gaggero, Gaja Masciale, Jozef Gjura, dal cantante Alfa, dalla regista e dal produttore e sceneggiatore Roberto Proia.

La vicenda segue il filone della sick-lit ma promette una marcia in più. Sul più bello è la storia della giovanissima Marta (Ludovica Francesconi), tanto simpatica quanto bruttina, che dalla nascita soffre di una rara malattia genetica. Nonostante tutto, Marta è la ragazza più solare che abbiate mai conosciuto. Carattere travolgente ha fretta di fare tutto e subito. A 19 anni come ogni ragazza della sua età sogna il grande amore ma lei non è una che si accontenta e prima che la sua malattia degeneri vuole sentirsi dire "ti amo" da un ragazzo bello... il più bello di tutti. I suoi amici e coinquilini Jacopo (Jozef Gjura) e Federica (Gaja Masciale) sono la sua famiglia e ogni volta fanno il possibile per dissuaderla dal puntare troppo in alto. Finché ad una festa Marta vede Arturo (Giuseppe Maggio) bello, sicuro di sé e per lei completamente inarrivabile. In altre parole: la preda perfetta. Ma mentre i fedeli amici si preparano a gestire l'ennesima delusione, stavolta le cose andranno in maniera diversa. Una volta sconfitta la rivale in amore Beatrice (Eleonora Gaggero) e ottenuto l’amore di Arturo, Marta dovrà affrontare la sfida più dura: raccontargli che il tempo non è a loro favore.

È la prima volta – ha precisato Proia – che vediamo il trailer su grande schermo e ne siamo tutti entusiasti, per noi è un film molto speciale con un messaggio importante: la protagonista non ha avuto molto dalla vita ma non si lascia definire dalla sua condizione ed è intenzionata a farsi dire “Ti amo” dal suo ragazzo ideale e così trova in Arturo il suo obiettivo”. “Prima d’iniziare – ha confessato Francesconi – ero terrorizzata all’idea che il sogno di vedermi su grande schermo stesse per realizzarsi, ma poi sul set ho stretto amicizie bellissime ed è stato fantastico. Se dovessi descrivere il progetto con una sola parola userei “emozionante” e dal mio alter ego Marta ho imparato moltissimo. Ha dei limiti ma la sua malattia non la definisce e lei dimostra che con determinazione puoi raggiungere qualunque obiettivo. Mi ha fatto crescere e lo considero un regalo”.

Gaggero, nella veste di antagonista, ha deciso di stupire i fan: “In Beatrice mi sono ritrovata perché come attrice anch’io ho a che fare con pregiudizi da parte di persone che non mi conoscono e danno voce a pettegolezzi infondati”. “Questi personaggi – ha concluso la regista – nella finzione come nella realtà non sono buoni o cattivi, ma sono pieni di tante sfumature e dobbiamo ricordarci che l’apparenza inganna”.

Leggi anche