Martedì, 28 Luglio 2020 14:54

Bayer e #Giffoni50: masterclass e incontri per un futuro sostenibile

Come azienda leader nel settore delle Life Sciences, Bayer riserva da anni sempre più attenzione anche all’ambito della crescita culturale, in particolare per le future generazioni. Per questo ha accolto con entusiasmo e convinzione la proposta di patrocinio, come Main Sponsor, di #Giffoni50. Il Festival festeggia quest’anno un compleanno speciale con un’edizione dedicata al pianeta “Terra”, che si lega alla visione del Gruppo: “Health for all, hunger for none”, visione verso il futuro ed obiettivo che si pone nel sostenere e promuovere le proprie attività.

Bayer offre nella protezione delle colture, sia oggi che domani, la stessa affidabilità e innovazione che pone nella cura delle persone agendo come partner per un obiettivo comune: produrre in modo competitivo, nel rispetto dell’ambiente e del consumatore finale. Le nuove tecnologie e le tecniche di digital farming per la coltivazione sono ancora poco adottate nel nostro Paese e Giffoni dà l'opportunità di confrontarsi con giovani talenti, con contenuti formativi e costruttivi sia per sostenere l’agricoltura del futuro che il Made in Italy.

È già pronto un programma ricco di eventi con l’obiettivo di accompagnare i giovani verso un futuro sostenibile e di migliorare insieme le condizioni di vita del nostro pianeta. Bayer porterà al dibattito del Festival temi dell’agricoltura sostenibile, con la partecipazione diretta e testimonianze di prestigio a favore della conoscenza e delle opinioni dei giovani talenti.

Leggi anche

Agosto 10, 2020

#Giffoni50, Gubitosi: un inno alla gioia

Categoria: News Giffoni Experience
Nel suggestivo Parco Archeologico di Velia la presentazione dell'edizione 2020. Il direttore: non è un programma, ma un progetto.
Agosto 10, 2020

#Giffoni50 si presenta: Ecco il programma

Categoria: News Giffoni Experience
Velia, 10 agosto 2020 - #Giffoni50si fa in quattro e il suo programma è “un vero e proprio inno alla gioia”, come ha dichiarato il fondatore e direttore del Festival, Claudio Gubitosi.