Sabato, 22 Febbraio 2020 09:25

#Giffoni50: una call per raccogliere gli scatti storici e diventare protagonista

Un invito a condividere le foto realizzate al Giffoni Film Festival dal 1970 al 2000

In occasione dei suoi primi cinquant'anni, Giffoni Opportunity vuole condividere questo momento di festa con la sua community, rivolgendo un'attenzione particolare a tutti coloro che, nell'ultimo mezzo secolo, sono stati al fianco del festival. Donne e uomini che con Giffoni - e in parte anche grazie a Giffoni - sono cresciuti e si sono formati, diventando oggi genitori e nonni di giovani che continuano a seguire un calendario, di anno in anno, sempre più ricco di nuove e interessanti iniziative. Sono stati, sono e saranno ancora una volta loro i protagonisti di un progetto visionario che, negli anni, non solo ha fatto conquistare a tutto il territorio campano la ribalta internazionale, ma ha anche contribuito alla formazione di migliaia di ragazzi che in questa idea trovano condivisione, identità, cultura e senso di appartenenza.

Nasce da qui la scelta di lanciare una call affinché tutti coloro che hanno vissuto le diverse edizioni del Festival - in particolare quelle dal 1970 al 2000 - condividano le foto che li immortalano tra i talenti, alle proiezioni, ai concerti e agli spettacoli. Dei ricordi preziosi che possano così ricostruire le storie e i volti di un cammino lungo 50 anni. I materiali audiovisivi pervenuti, entreranno a fare parte di un grande archivio della storia di Giffoni nel quale ognuno potrà riconoscersi e sentirsi protagonista di un progetto globale. Un viaggio nella memoria, che non avrà il sapore dell'amarcord, né della celebrazione: Giffoni è un'idea che va vissuta. L'archivio diventerà, infatti, la biblioteca multimediale a cui attingere per conoscere la storia del festival e rappresenterà il testimone simbolico da passare a oltre 6200 jurors che quest'anno, dal 16 al 25 luglio, contribuiranno a rendere magico un compleanno davvero speciale.

Tutti gli interessati possono inviare i materiali audiovisivi al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi anche