Giovedì, 09 Gennaio 2020 10:58

“Un inno alla libertà”: Per i giffoners è sempre tempo di Piccole Donne

Grazie a Sony Pictures Italia, 36 giffoners  hanno avuto l’opportunità di vedere in anteprima il film di Greta Gerwig, al cinema da oggi

E' sorprendente come un libro pubblicato nel 1868 sia ancora così attuale, quasi una guida per il pubblico, persino quello più giovane. Ne sono la prova i commenti dei 36 giffoners che, grazie alla solida collaborazione tra Giffoni Opportunity e Sony Pictures Italia, hanno avuto la possibilità di partecipare a Roma all’anteprima di PICCOLE DONNE, per la regia di Greta Gerwig.

Un inno alla libertà: uno dei grandi segreti di Piccole donne è proprio l’essere adattabile a latitudini ed epoche diverse - hanno commentato i ragazzi al termine della proiezione - Jo è il personaggio più rappresentativo e, sicuramente, quello che rompe gli schemi delle generazioni precedenti, cercando un’identità che non sia più solo dettata dalla famiglia, dai figli, dal marito. Intraprendente e cocciuta ragazza dai modi da maschiaccio, Jo cerca risposte in se stessa, nella propria fantasia, nella voglia di superare ogni limite”.

La scrittrice e regista Greta Gerwig (Lady Bird) ha realizzato il film basandosi sia sul romanzo di Louisa May Alcott che sui suoi scritti, ripercorrendo avanti e indietro nel tempo la vita dell’alter ego dell’autrice, Jo March.

Secondo la Gerwig, la tanto amata storia delle sorelle March – quattro giovani donne ognuna determinata a inseguire i propri sogni – è al tempo stesso intramontabile e attuale. Jo, Meg, Amy e Beth nel film sono interpretate da Saoirse Ronan, Emma Watson, Florence Pugh, ed Eliza Scanlen, con Timothee Chalamet nei panni del loro vicino Laurie, Laura Dern in quelli di Marmee, e Meryl Streep nel ruolo della Zia March. Nel cast anche Florence Pugh, Eliza Scanlen, James Norton, Louis Garrel, Bob Odenkirk, Chris Cooper, Abby Quinn, Tracy Letts.

Soltanto Greta Gerwig – concludono i giffoners - poteva dare quella freschezza e sensibilità a un’opera che, ancora una volta, ci dimostra come i classici possano spaventare per la loro modernità”.

Una storia senza tempo di amicizia, amore ed emancipazione femminile da oggi al cinema, distribuito da Sony Pictures Italia.

Media

Leggi anche