Venerdì, 26 Luglio 2019 17:54

Grimaldi Lines: la sostenibilità delle città galleggianti

Sostenibilità, ricerca e sviluppo per le città galleggianti, importanti elementi d’impatto ambientale: è questa la sfida di Grimaldi Lines, compagnia di navigazione europea, con una flotta di 140 navi, raccontata alla Masterclass Eco. “Si tratta del mezzo di trasporto più efficiente, con servizi e offerte per migliaia di persone. Nel 2018 abbiamo trasportato due milioni di passeggeri”, spiega Alberto Portolano, ingegnere Energy saving department Grimaldi lines. Ogni nave è una città galleggiante, con una mole imponente e un mondo che le si muove intorno: all’arrivo, un’agenzia si occupa di tutto. Anche dello smaltimento rifiuti. Il Garbage Management plan prescrive il corretto iter degli scarti, con un certificato di conformità”

Un video mostra il lavoro di allungamento di una nave, con 1700 tonnellate e trenta metri: il tempo e lo spazio fanno da sfondo alle imponenti fasi di costruzione e assemblaggio, fino agli incastri, come si trattasse di un enorme meccano, con un lavoro di due mesi raccontato in pochi minuti. Rosa Di Matteo, Energy saving technical department per Grimaldi lines, spiega i progetti per ridurre l’impatto ambientale. “Riduci, ricicla, riutilizza, è uno dei protocolli. Per esempio, per la plastica, su tutta la nave ci sono macchine compattatrici. Aderiamo a una campagna di riduzione microplastiche con Marevivo, utilizzando oggetti in materiale biodegradabile, come le cannucce di bambù e il vetro”. Le navi Grimaldi, quando sono ferme in porto, non emettono scarichi. “Ad oggi le compagnie che non investono in efficienza e sostenibilità sono fuori dal mercato. La tecnologia non comporta risparmio ma benefici sulla salute e sull’ambiente”.  

Leggi anche