Giovedì, 25 Luglio 2019 20:05

Mobilità e sviluppo, Luca Cascone incontra i masterclassers: “Nuovi treni e abbonamenti gratuiti, così abbiamo cambiato il trasporto in Campania”

Lo sviluppo passa per la sostenibilità e la sostenibilità deve coniugarsi con l’efficienza del servizio. Tutto questo in un settore nevralgico, croce e delizia delle amministrazioni regionali che in Campania si sono succedute. A recuperare il gap esistente ce la sta mettendo tutta Luca Cascone, presidente della IV Commissione Permanente del Consiglio Regionale della Campania, che oggi ha partecipato alle Masterclass Eco e Connect presso l’Antica Ramiera di Giffoni Valle Piana.

“Sul fronte dei trasporti – spiega in avvio del suo intervento – abbiamo avuto un’eredità molto pesante. Basta considerare che la Regione Campania fino al 2015, e cioè fino al nostro insediamento, aveva maturato debiti con Trenitalia per 150 milioni di euro. Un debito pesantissimo, oltre ai disservizi per i cittadini. In questi anni abbiamo ripianato queste situazioni e nei prossimi anni si vedranno con evidenza i risultati della programmazione che ora abbiamo messo in campo”.

E così Luca Cascone snocciola un po’ di risultati, partendo dal trasporto su ferro: “Se come premessa il quinquennio 2010-2015 ha rappresentato una vera débâcle per il trasporto campano, ancor peggio era per il trasporto su ferro. In Campania i treni più nuovi che viaggiavano erano datati 1994. Abbiamo avviato un rinnovo del parco treni, acquistando ben 24 nuovi treni Jazz. Circa il 25 per cento del numero di veicoli è stato perciò rinnovato. E nei prossimi tre anni ne arriveranno altri quaranta. Sarà così davvero percepibile quella rivoluzione di cui abbiamo gettato le vasi. Per i 24 treni di nuova generazione acquistati abbiamo investito circa 200 milioni di euro”.

Un capitolo a parte merita la Circumvesuviana, la linea ferroviaria più bella d’Europa, ma senza dubbio la più complicata. Qui la Regione Campania ha deciso di avviare un processo di revamping dei vagoni che in qualche modo hanno acquisito margini di maggiore modernità, a partire dalla dotazione della climatizzazione. “Anche in questo caso – dice il presidente Cascone – nei prossimi tre anni tutti i treni saranno rinnovati. Non tutti sanno che acquistare nuovi treni è per la burocrazia italiana una delle pratiche più complesse che ci possa essere perché è necessario ottenere una lunghissima serie di autorizzazioni”.

La Circumvesuviana, perciò, presenta qualche specificità in più soprattutto perché attraversa e serve uno dei bacini più densamente abitati d’Europa. Ma, allo stesso tempo, attraversa un territorio bellissimo, andando da Sorrento a Napoli, passando per Pompei ed Ercolano: “Qui – dice Cascone – non si comprava un treno da oltre trent’anni. Abbiamo iniziato a rinnovarne i primi 22. L’obiettivo è arrivare in tempi rapidi ad un rinnovamento totale della linea regionale”.

Meno complicato il trasporto su gomma. “Nel 2020 – illustra  Cascone – completeremo il programma di acquisto degli autobus, da consegnare tra le varie aziende. Avremo così messo in giro, sulle strade campane quasi mille nuovi mezzi. E’ chiaro come dall’interazione di questi fattori si arriva ad una fortissima riduzione dell’inquinamento. L’efficienza del sistema pubblico resta, perciò, il principale deterrente all’utilizzo dell’auto privata”.

Giffoni è luogo d’elezione per i ragazzi che rappresentano una porzione importante dei pendolari campani, soprattutto per ragioni di studio: “Siamo vicini ai giovani – dice Cascone – perché ormai da anni investiamo trenta milioni di euro per dare 120mila abbonamenti gratuiti ad altrettanti studenti campani. A questa misura si accompagna il potenziamento delle linee scolastiche. Quest’anno, ad esempio, abbiamo investito in questo circa nove milioni di euro in più rispetto allo scorso anno”.

Si può fare di più? Sempre. E Cascone ha ribadito che la Regione Campania è pronta ad ascoltare le esigenze dei cittadini: “Il servizio – dice – è sempre migliorabile. Soprattutto se ci sono esigenze che arrivano da comunità, da gruppi di persone. E’ il caso di Giffoni: in questi giorni potenziamo tantissimo il collegamento Sita con Salerno per dare la possibilità a più persone di essere presenti in queste giornate di festival”. 

Importante per Giffoni anche il rilancio dell’aeroporto Costa d’Amalfi di Pontecagnano che, dopo decenni di immobilismo, si prepara ad avere un ruolo centrale nel sistema della mobilità campana: “Il tema – dichiara Cascone – è il decongestionamento di Capodichino che oggi muove 9 milioni di passeggeri. Un numero in continua crescita perché cresce la fame di Campania. Allora Pontecagnano servirà a decongestionare ma anche a potenziare il trasporto aereo regionale, con cinque voli nazionali e cinque europei, a partire dal 2021. L’obiettivo è arrivare ad oltre cinque milioni di passeggeri in transito su Salerno”, All’incontro erano presenti Massimo Bisogno, responsabile dei Sistemi Informativi di Acamir, e Gaetano Ratto, presidente del Consorzio Unico Campania.

A chiudere i lavori il presidente di Giffoni Experience, Piero Rinaldi: “Luca Cascone - dice - è un amico di Giffoni.  Quest’anno sono state inserite otto corse in più da e per Salerno. La Regione Campania, perciò, ci è molto vicina. La Regione Campania è sensibile a venire incontro ai nostri giovani”.

Il presidente Rinaldi rilancia l’idea di una metropolitana leggera per i Picentini che colleghi quest’area con l’aeroporto e quindi con Salerno: “Per noi - aggiunge - sarebbe un vero e proprio sogno che si realizza. Siamo un’area in cui vivono oltre 110mila persone. Spezzerebbe l’isolamento di questa nostra zona”. Su questo Cascone ha raccolto la sollecitazione, garantendo, se non la realizzazione di una linea ferroviaria, la strutturazione di un collegamento che va organizzato e che sia posto a corredo dell’aeroporto.

“Vogliamo rispondere – conclude il presidente della Commissione Trasporti della Regione Campania – alle esigenze dei cittadini. Vogliamo che si arrivi ad avere un’organizzazione efficiente. Abbiamo posto le basi in questi anni. E nei prossimi anni questa nostra programmazione sarà in grado di esprimere i risultati che abbiamo messo in cantiere. Per i pendolari la qualità del viaggio incide direttamente sulla qualità complessiva della loro vita. Ed è a questo che dobbiamo lavorare con impegno”.

A Luca Cascone, dalle mani del presidente Rinaldi, la Riggiola d’Arte Giffoni 2019.

Leggi anche