Martedì, 18 Agosto 2020 19:00

Ventre: "Giffoni, luogo di magia. La sua storia parla di innovazione"

«La magia è made in Giffoni, sia che si tratti di cinema che di innovazione. In effetti, pensandoci bene la creatività ha tante applicazioni e Giffoni ne è un esempio lampante». A parlare è il professor Giorgio Ventre, accademico di grande prestigio, direttore dell’Apple Developer Academy di San Giovanni a Teduccio, che è intervenuto nell’ambito della masterclass Giffoni Impact a cui hanno partecipato anche i 15 ragazzi del DreamTeam di NextGeneration2020.

«Giffoni ha un potenziale incredibile – ha dichiarato il professor Ventre - perché è come se mettesse insieme tanti ingredienti che sono necessari se si vuole parlare di innovazione. La stessa storia di Giffoni mi affascina. Nasce come Festival del Cinema per i ragazzi. E non esiste età più propensa alla magia, all’immaginazione, di quando si è giovani. Nel tempo Claudio Gubitosi ha avuto un’intuizione incredibile. Ha capito che il cinema non si sarebbe fermato alla sala e alla tv di casa. E, infatti, oggi il cinema lo portiamo in giro con noi. Su tablet, smartphone e device vari che ci permettono di godere di veri capolavori in qualsiasi momento della nostra vita. Ed oggi la Multimedia Valley è una sorta di porta sul futuro».

Il futuro, perciò, si chiama Giffoni Multimedia Valley: «La speranza – ha detto Giorgio Ventre al riguardo - è che in Italia si capisca il potenziale di questo luogo magico. Magico perché riesce ad attrarre ragazzi da tutto il mondo. E la creatività ha il suo picco proprio quando diverse culture si incontrano. Ecco perché non puntare su Giffoni sarebbe assurdo. L’Italia deve vedere in Giffoni il punto dove far partire e rinascere un’industria dell’audiovisivo italiano. Industria interpretata in maniera moderna, con uno stretto legame con i nuovi media». Giffoni è un luogo dove si sperimenta. La sperimentazione è tra arte, cultura e tecnologia, un binomio di grande efficacia e di grande suggestione: «Oggi la tecnologia – ha spiegato il professore Ventre - si deve necessariamente affiancare all’arte. E l’arte alla tecnologia se posso osare dirlo. Ai ragazzi che incontro, appassionati di tecnologie, dico sempre: ricordatevi di leggere Omero e di vedere i film di Truffaut. In Italia abbiamo una passione, anche abbastanza recente: la separazione delle discipline. In realtà la cultura italiana ha una naturale tendenza alla formazione umanistica e in questo campo esperienze come la Apple Developer Academy, e in generale quello che si sta facendo in Campania, vanno in questo senso».

La parola d'ordine sembra essere intuizione. “Sono affascinato dalle intuizioni. E infatti creiamo intuizioni. Forse la scienza dovrebbe interrogarsi sul perché non riusciamo sempre a dare loro una forma”. Così il fondatore e direttore di Giffoni Opportunity Claudio Gubitosi. “Giffoni è un'idea e come tutte le idee ha una vita – ha spiegato rivolgendosi a Ventre – Ma anche un'ottima idea è destinata a morire. E così, quel progetto che era vincente negli anni Settanta, non lo è stato più nei Novanta. Era necessario cambiarlo e per farlo l'ho distrutto, convinto che qualsiasi cosa diventi rito è ormai morta. E' necessario ripensare sempre nel tempo a ciò che facciamo e dichiarare guerra a chi protegge con le unghie e con i denti il proprio passato senza guardare al futuro. Bene ha fatto il ministro Franceschini a spingere tutti i direttori dei parchi archeologici ad aprire i siti alla cultura. Noi, promuovendo una rassegna di cinema e musica tra i templi di Paestum, abbiamo anticipato questa saggia decisione”. Raccontando le nuove geometrie del festival, Gubitosi ha raccontato il percorso che ha portato il Giffoni Film Festival a diventare nel 2009 Experience e, da appena un anno, Opportunity. Ma la forma di Giffoni è pronta già a cambiare pelle grazie a Verde Giffoni, che racchiude nel suo spirito un nuovo modo di vita, che non è solo green ed ecosostenibile. “Non a caso ho scelto Velia per presentare #Giffoni50 – ha proseguito – Non mi serviva un grande albergo o una sala conferenze, ma una macchina del tempo per tornare a 2700 anni fa, nel luogo dove è nato il pensiero grazie a Parmenide e Zenone, padri della scuola eleatica. E cos'è il Pensiero se non un'idea? La nostra idea di futuro, quella di offrire ai nostri giovani l'opportunità di conoscere delle eccellenze, con l'obiettivo di dare almeno 300 opportunità di lavoro”.

Leggi anche