Martedì, 15 Ottobre 2019 11:54

Giffoni Macedonia Youth Festival. Il direttore Baseski: "Questa collaborazione sarà una storia senza fine"

Con la potenza del fauno drago a cui è dedicata l'immagine grafica, il team di Giffoni Opportunity, con i suoi giffoners, è tra i protagonisti del Giffoni Macedonia Youth Festival in programma a Skopje (Macedonia del Nord) fino a giovedì 17 ottobre. “Spero che Giffoni sia una storia senza fine”, ha detto in apertura del festival Darko Baseski, al timone della manifestazione sostenuta per l’Italia, anche dal Ministero dei Beni e le Attività Culturali, dal Ministro della Cultura macedone, dall’Agenzia Nazionale per il Cinema della Macedonia del Nord e organizzata da Giffoni Opportunity insieme all’associazione macedone Planet M. Baseski, in apertura del festival, ha ringraziato il direttore Claudio Gubitosi per aver reso concreto un sogno che dura da cinquant'anni e Pietro Rinaldi, presidente di Giffoni Opportunity, che ha voluto accogliere oltre seicento giovani provenienti da nove Paesi con un abbraccio virtuale, spiegando: “Il 2020 sarà un anno molto importante per noi. Avremo a Giffoni circa 7mila giurati da oltre cinquanta Paesi del mondo per festeggiare il nostro primo mezzo secolo di storia”.

I ragazzi hanno avuto l'opportunità di incontrare l'attore e cantante Luca Chikovani, tra i protagonisti del film Lazzaro felice della regista Alice Rohrwacher. Chikovani ha coinvolto la platea, raccontando che il suo mito è da sempre Alessandro Magno. “La regista ha visto i miei lavori su Youtube – ha raccontato – Quando mi ha contattato ero molto in ansia, ma poi sono riuscito a superare le mie paure. Questo film mi ha cambiato la vita, perché mi ha insegnato che il successo è fugace, mentre invece dovremmo tornare tutti a una dimensione di maggiore umanità. Intendo continuare su questa strada e sto progettando di trasferirmi a Los Angeles”. Pioggia di applausi per gli studenti autori del film Light per la regia di Martin Chichovski. “Abbiamo girato Light in tre mesi – ha chiarito il regista – L'idea da cui siamo partiti era quella di creare una sorta di appello. I ragazzi chiedaoo a gran voce ai genitori di sostenerli, ma al tempo stesso di lasciarli liberi nelle loro scelte”. Grande successo poi per l'International evening party, la grande festa che ogni anno trasforma la Macedonia del Nord in un laboratorio a cielo aperto dove si incontrano culture e identità diverse, pronte a confrontarsi nel segno della gastronomia tipica dei territori e della musica. “Just fun, pure fun” è stato lo slogan che ha unito in pista centinaia di giovani, che hanno scelto Facebook e Instagram per testimoniare il proprio entusiasmo. Tra loro, il dj Gianni Mirabello, che è tornato per il quinto anno consecutivo a Skopje. “All'inizio ero un po' ansioso, perché non ero mai stato ospite di una famiglia – racconta – ma alla fine è stata un'esperienza meravigliosa grazie alla quale sono riuscito a stringere tante amicizie”.

Al Giffoni Film Festival è di casa: “Avevo solo sei anni quando ho avuto l'occasione di poter vedere film bellissimi e di incontrare tanti giovani”, racconta Mirabello, studente di Ingegneria Informatica presso l'ateneo di Salerno, al quale è affidata la colonna sonora del party finale che si terrà domani. Filo conduttore della settima edizione del festival, che riunisce cinema, teatro, musica, fotografia, danza è, accanto al rispetto dell'ambiente, l'utilizzo responsabile del web. In parallelo con le attività di Giffoni Macedonia, è stata presentata a Skopje la campagna educativa itinerante realizzata dal Sic – Generazioni connesse, in collaborazione con la Polizia postale, “Una vita da social”. Un truck allestito con un’aula didattica multimediale, posizionato in aree strategiche della città, permetterà agli operatori della Polizia Postale di incontrare studenti, genitori e insegnanti per affrontare i temi della sicurezza online e della prevenzione del cyberbullismo.

Leggi anche