film #giffoni50

17 BLOCKS

Category: Gex Doc

Nel 1999, un bambino di nove anni, Emmanuel Sanford-Durant, e la sua famiglia di Washington, DC hanno iniziato a filmare la loro vita quotidiana nel quartiere più pericoloso d'America, a soli 17 isolati dall'edificio del Campidoglio degli Stati Uniti. Da allora hanno sempre filmato. Realizzato in una collaborazione unica con il regista e giornalista Davy Rothbart, il film si concentra su quattro generazioni della famiglia Sanford, tra cui Emmanuel, uno studente promettente, suo fratello Smurf (Puffo), uno spacciatore locale, sua sorella Denice, un'aspirante poliziotta e sua madre Cheryl, che deve sconfiggere i propri demoni affinché la sua famiglia possa prosperare. Nell'arco di due decenni, 17 BLOCKS rivela l’attuale crisi di una nazione attraverso la saga cruda, emozionante e profondamente personale di una famiglia.

Titolo Originale 17 Blocks
Categoria In concorso
Sezione GEx Doc
Tipologia Documentario
Anno di Produzione 2019
Durata 96’
Nazionalità USA
Regia di Davy Rothbart
Sceneggiatura Jennifer Tiexiera
Con la collaborazione di la famiglia Sanford-Durant
Fotografia Zachary Shields
Montaggio Jennifer Tiexiera
Musiche Nick Urata
Interpreti principali Cheryl Sanford
Chris Feddersen
Emmanuel Sanford-Durant, Jr.
Denice Sanford-Durant
Akil “Smurf” Sanford
Neville “Joe” Rankin
Anthony Plater
St. James Cashwell
Prodotto da Alex Turtletaub, Michael B. Clark, Marc Turtletaub, Rachel Dengiz, Davy Rothbart
Produzione Beachside Films
Orario 29 DIC - 19:00 (Digital Cinema)

DavyRothbart PhotoCreditDanBustaDAVY ROTHBART

Davy Rothbart è un regista vincitore di un Emmy Award, autore di bestseller e giornalista, collaboratore frequente di This American Life della radio pubblica e creatore di Found Magazine. Il film MEDORA di Rothbart, su una resiliente squadra di basket di un liceo in una città dell'Indiana in declino, basato su una storia pubblicata dal New York Times e scritta dal vincitore del Premio Pulitzer John Branch, è stato prodotto da Steve Buscemi e Stanley Tucci e presentato in anteprima al SXSW Film Festival 2013. MEDORA in seguito è andato in onda nell'acclamata serie della PBS INDEPENDENT LENS e ha vinto un Emmy Award. Rothbart ha già diretto due documentari sulla band di attivisti Rise Against, che sono diventati i DVD più venduti negli Stati Uniti, Canada, Germania e Svezia. Un cortometraggio con la canzone "Make It Stop" di Rise Against è stato realizzato per il progetto ItGetsBetter di Dan Savage e in seguito ha vinto un MTV Music Video Award.

Le storie radiofoniche di Rothbart presenti in This American Life hanno raggiunto più di 20 milioni di ascoltatori, e i suoi libri Found e My Heart Is An Idiot hanno debuttato nella lista dei bestseller del New York Times. Davy ha fatto diverse apparizioni in The Late Show With David Letterman, è apparso in 20/20 della ABC, Last Call with Carson Daly, MSNBC e All Things Considered di NPR, ed è stato pubblicato su The New Yorker e The New York Times. Nato ad Ann Arbor, nel Michigan, Rothbart ora vive a Los Angeles, in California.

Dichiarazione regista

"Nel 1999, giocando a basket vicino al mio appartamento nel sud-est di Washington, DC, ho stretto amicizia con un adolescente di nome Smurf, che aveva 15 anni, e con suo fratello minore Emmanuel, che ne aveva 9. Man mano che la nostra amicizia è cresciuta, ho conosciuto la loro mamma, Cheryl Sanford e la loro sorella dodicenne Denice. Emmanuel era interessato al cinema. Gli ho insegnato come usare la mia piccola videocamera portatile e ho iniziato a lasciargliela durante la notte e nei fine settimana. Emmanuel ha condiviso con me i filmati che lui e i suoi fratelli hanno iniziato a girare: momenti familiari incredibilmente grezzi e intimi e scorci intriganti di personaggi di tutto il quartiere.

A volte giravo la telecamera e intervistavo Emmanuel; a volte lui la rigirava per intervistarmi.

Avevo i miei amati genitori e fratelli, ma erano a centinaia di chilometri di distanza e a Cheryl piace dire che la sua famiglia mi ha "adottato". Siamo diventati gli uni una parte quotidiana della vita degli altri. Ci siamo stretti insieme per superare l’apocalisse dell'anno 2000; abbiamo passato insieme compleanni e Ringraziamento. Brillante, divertente e infinitamente curioso, Emmanuel è diventato un fratello minore per me. Abbiamo vagato per il quartiere, filmando insieme e parlando della vita. Man mano che mi avvicinavo a Cheryl, Smurf e Denice, loro hanno iniziato a condividere con me le loro lotte, le speranze e i sogni, spesso davanti alla telecamera.

Anche dopo essermi trasferito, sono rimasto vicino alla famiglia Sanford. Andavo spesso a trovarli per il Ringraziamento e altre festività e nel corso degli anni abbiamo continuato a girare di tanto in tanto. È sempre stato un brivido per noi ritrovarci e una benedizione in più quando Smurf e Denice hanno avuto i loro primi figli. Nel 2009, dieci anni dopo il nostro primo incontro, vedere Emmanuel diplomarsi al liceo, fidanzarsi con la sua ragazza del liceo e iniziare l'addestramento come pompiere mi ha riempito di gioia.

Poi, alla vigilia di Capodanno, la tragedia ha colpito la famiglia Sanford. La violenza armata, da sempre una costante nel loro vicinato, ha fatto irruzione nelle loro vite con conseguenze orrende e strazianti.

Sono volato a Washington il giorno successivo per aiutare in ogni modo possibile, e Cheryl mi ha accolto con una domanda:”Dov'è la tua videocamera? Nel nostro quartiere vengono uccise così tante persone con armi da fuoco", mi ha detto, "ma nessuna ha avuto tutta la sua vita documentata in modo così completo come la mia famiglia". In qualche modo, anche nel mezzo del suo dolore, Cheryl ha avuto la saggezza e la prospettiva per capire il valore e l'importanza che la storia della sua famiglia avrebbe potuto avere un giorno.

Anche se i Sanford attraversavano una perdita devastante, abbiamo continuato a filmare, seguendo ogni momento in tutta la sua lacerante tristezza. Dato che questo tipo di tragedia era per me una novità, non avevo idea, ad esempio, che in fondo alla strada ci fosse un negozio fatto apposta per stampare magliette commemorative per amici e persone care che erano stati uccisi. Mentre la famiglia piangeva la sua perdita, mi ha colpito non solo l'intensità del loro dolore, ma anche quanto fosse comune la loro esperienza all'interno del quartiere e dall'ordinarietà con cui veniva trattato un evento straordinario e la macchina del dolore della comunità si metteva in moto per processare un'altra vittima. Per quanto mi sentissi ferito per la perdita di qualcuno con cui ero cresciuto, mi sentivo ugualmente schiacciato, arrabbiato e disturbato dal massacro, invisibile ai più, che si stava svolgendo al rallentatore in molti quartieri di Washington e nelle città di tutto il paese. Cheryl mi ha detto che il suo desiderio più profondo era che la condivisione della storia della sua famiglia potesse suscitare un interesse più ampio per la lotta contro l’onnipresenza delle armi nella sua città e diminuire le possibilità che altri dovessero sopportare il dolore che lei stava provando. […]

In onore del loro familiare ucciso, nel 2010 io e i Sanford abbiamo fondato un'organizzazione chiamata Washington To Washington (WashingtonToWashington.org), che ogni estate porta gruppi di bambini, provenienti da quartieri difficili, in campeggio per una settimana, per visitare alcuni dei luoghi più famosi d’America, bellissimi parchi nazionali e foreste. Facciamo escursioni, nuotiamo, andiamo in canoa, andiamo a cavallo, giochiamo, accendiamo fuochi da campo, mangiamo marshmallow e scambiamo storie di fantasmi. Questi viaggi non possono salvarli da tutte le sfide che molti di questi bambini devono affrontare, ma offrono loro la possibilità di ampliare le loro prospettive, sperimentare le gioie della natura e scoprire altri mondi oltre il quartiere in cui vivono.

[...] Per quanto riguarda 17 BLOCKS, la nostra speranza è che chiunque guardi il film avverta la necessità di rendere il mondo un posto migliore per i cittadini più vulnerabili del nostro paese, combattendo per rendere più sicure le nostre comunità più pericolose e cercando il modo per interagire con le persone che ci vivono - coltivando connessioni, stringendo amicizie, scoprendo obiettivi condivisi e stimolando creatività e senso di meraviglia. Se vogliamo che il mondo cambi, sta a noi fare in modo che ciò accada."

 

produzione
Beachside Films (USA)
www.beachsidefilms.com

distribuzione internazionale
festival contact
Cinephil (Israele)
www.cinephil.com