Film Giffoni Edizione 2021

MY VERY OWN CIRCUS

Category: Elements +10

Nata in una famiglia di circensi, la dodicenne Laura ha trascorso gran parte della sua giovane vita in tour con il padre single, Bill, un clown professionista. Ma, segretamente, desidera una vita meno frenetica. È grazie alla sua nuova insegnante, che riconosce il suo potenziale accademico, che Laura riesce a realizzare il suo sogno: frequentare un liceo privato. Può lo spirito libero Bill accettare che la luce dei suoi occhi si sia allontanata così dalla tradizione paterna?

Titolo Originale Mon Cirque à Moi
Categoria In concorso
Sezione Elements +10
Tipologia Lungometraggio
Anno di Produzione 2020
Durata 105'
Nazionalità Canada
Regia di Miryam Bouchard
Sceneggiatura Martin Forget, Miryam Bouchard
Fotografia Ronald Plante, csc
Montaggio Valérie Héroux
Scenografia David Pelletier
Costumi Sharon Scott
Suono Arnaud Derimay
Trucco Marianne Bobet
Interpreti principali Patrick Huard
Sophie Laurin
Jasmine Lemée
Robin Aubert
Mathilde Boucher
Louise Latraverse
Jean Lapointe
Prodotto da Antonello Cozzolino

Miryam Bouchard 2 photo by Julie PerreaultMyriam Bouchard

Laureata alla Concordia in Film Production, Miryam ha iniziato la sua carriera dirigendo più di venti video musicali in meno di due anni. In seguito si è rivolta all'industria televisiva e ha diretto i suoi primi due programmi televisivi: CHRONIQUES D’UNE VIOLENCE ORDINAIRE, YING YANG - LE CÉLIBATE E LA GUERRE DES SEXES. Lavora anche come sceneggiatrice, tra gli altri, per il documentario LES TÊTES À CLAQUES: UNE HISTOIRE UNBELIEVABLE. I suoi documentari vanno in onda su Télé-Québec, SRC, CBC e ARTV.

Grazie ai suoi cortometraggi LA CÉRÉMONIE, POUR LE MEILLEUR ET POUR LE PIRE e ROASTBEEF, partecipa a tutti i più grandi festival del mondo (più di 70) e raccoglie menzioni e premi. Con la sua partecipazione alla serie FAIS ÇA COURT!, scrive quattro cortometraggi che flirtano con la commedia romantica, l'horror e il dramma. Scrive e dirige LES CHRONIQUES D'UNE MÈRE INDIGNE, oltre a produrre e firmare il concept di FABRIQUE-MOI UN CONTE, due serie che ottengono diverse nomination e riconoscimenti ai Numix Awards, al La Rochelle WEBTV Festival e al Prix Gémeaux.

Recentemente Miryam è stata particolarmente apprezzata per il suo lavoro in M’ENTENDS-TU?, L'ÉCHAPPÉE I, II e III e MON EX À MOI I e II.

Dichiarazione regista

“My Very Own Circus racconta una storia di formazione basata sui miei ricordi d’infanzia. Tutto è vero e falso allo stesso tempo. Per molto tempo ho pensato che la mia fosse stata un'infanzia normale, fino a quando non ne ho parlato con Martin Forget, sceneggiatore e mio complice nella realizzazione del mio primo lungometraggio che non era una biografia ma piuttosto un'allegoria.

Da piccola ero l'annunciatrice degli spettacoli di mio padre che era un clown, un giocoliere e un mago. Andare in tour in un autobus trasformato in una "casa" e fare i compiti nel backstage faceva parte della mia routine quotidiana. Crescendo, la magia svanì e la scintilla del palco diventò così fastidiosa che la voglia di normalità prese il sopravvento. L'adolescenza e la ribellione in una famiglia di pagliacci possono assumere la forma di una pagella perfetta.

In un certo senso, il personaggio di Laura sono io. E il personaggio di Bill è un po' mio padre. Ma sono principalmente i brillanti Jasmine Lemée e Patrick Huard. Molto velocemente, Patrick Huard si è imposto nella mia immaginazione. Si è dato a questo progetto con tanta generosità. La mia storia si è mescolata alla sua: è diventato la mia musa ispiratrice. Jasmine e Patrick si sono sentiti liberi di fare propri questi personaggi e, grazie a loro, i miei ricordi sono diventati finzione.

Al centro di questo film c'è il mio desiderio di inventare momenti che avrei voluto poter condividere con mio padre, e forse anche quella riconciliazione che vorrei avessimo avuto prima che se ne andasse troppo in fretta e troppo presto, per dirgli tutto quello che amavo di lui. MY VERY OWN CIRCUS è un film di redenzione? Probabilmente sì. Ma è anche la storia di Laura, Bill, Mandeep, Sophie e Justine che vogliono essere tutti amati e accettati così come sono, “diversi”, nella loro marginalità o nel loro conformismo.

Questo film è nato dal profondo desiderio che mia figlia conoscesse mio padre in qualche modo e che mi sentisse dire che lo amavo così com'era. È un lavoro, spero, fatto di realismo, ma anche di magia, di poesia, di scuola, di povertà e sogni e, infine, di accettazione dell'altro e amore filiale.”

produzione
Attraction Images
(Canada)
www.attractionimages.ca

distribuzione internazionale
festival contact
Attraction Distribution
(Canada)
www.attractiondistribution.ca