Film Giffoni 2022

LYRA

Category: Gex Doc

LYRA è l’intimo ritratto della vita e della morte della celebre giornalista nordirlandese e sostenitrice del movimento LBGTQ+ Lyra McKee, uccisa a colpi di arma da fuoco dai repubblicani dissidenti irlandesi, nell'aprile 2019, all'età di 29 anni.

Titolo Originale Lyra
Categoria In concorso
Sezione GEx Doc
Tipologia Documentario, Lungometraggio
Anno di Produzione 2021
Durata 93'
Nazionalità Irlanda, Regno Unito
Regia di Alison Millar
Sceneggiatura Alison Millar
Fotografia Mark McCauley
Montaggio Chloe Lambourne
Musiche David Holmes
Narratore Alison Millar
Produttore esecutivo Siobhan Sinnerton, Edward Watts, Andrew Eaton, Greg Darby, Hillary and Chelsea Clinton
Produzione Erica Starling Productions (Regno Unito)
orario ingresso 27 LUG - Sala Galileo ore 14:45

Alison MilarAlison Millar

Alison Millar è una delle cineaste di documentari più rispettate del Regno Unito e dell'Irlanda. È vincitrice di BAFTA, IFTA e Prix Italia, oltre a aver vinto il premio della Royal Television Society del Regno Unito e dell'Irlanda del Nord nel 2016 per il documentario KIDS IN CRISIS. È una regista apprezzata dalla critica per la sua capacità di realizzare film emotivamente avvincenti. Nel 2010, Alison ha fondato la Erica Starling Productions Ltd, una società di produzione di documentari indipendenti, a Belfast.

Dichiarazione del regista

“Come documentarista ho realizzato molti film impegnativi. Ma questo film è molto di più. Per me, questo film è personale. Il 18 aprile 2019, Lyra McKee, una celebre giornalista di 29 anni, è stata uccisa mentre osservava una rivolta a Derry/Londonderry, nell'Irlanda del Nord. Uccisa da un solo proiettile alla testa.
Lyra era mia amica. Poche ore prima avevamo programmato di cenare insieme il giorno successivo, il Venerdì Santo, il 21° anniversario dello storico Accordo di Pace. Invece, ero con la sua famiglia in lutto.
La vita e il lavoro di Lyra rappresentavano tutto ciò che di positivo significava avere la pace nel nostro paese. Lei e la sua generazione erano conosciute come i "Ceasefire Babies" (i figli del cessate il fuoco), un termine che ha coniato e successivamente sfidato mentre il suo lavoro l'ha portata a una maggiore comprensione del trauma intergenerazionale e delle conseguenze del conflitto. Come lei ha scritto, "l'Irlanda del Nord è una bellissima tragedia strangolata dalle catene del suo passato e del suo presente. È un luogo pieno di oscurità e misteri... è anche la mia casa.'
Era una giovane donna gay, cresciuta in una famiglia con un solo genitore, in una zona svantaggiata di Belfast, nota a molti come il "miglio dell'omicidio". Quando è stata uccisa, stava per raccogliere i frutti di anni di duro lavoro. Aveva firmato un contratto per due libri con il gigante dell'editoria Faber & Faber ed era stata inserita come "da tenere d'occhio" nell'elenco dei "30 under 30" di Forbes. Aveva un brillante futuro davanti a sé. Aveva tutto per cui vivere....
In questo film, voglio che il pubblico provi l'enorme senso di perdita che la sua famiglia, la sua compagna Sara, io e tutti quelli a lei più vicini abbiamo provato. Tutto ciò che ci era rimasto erano le sue parole – che, a volte, erano straordinariamente profetiche, prefigurando persino il suo stesso omicidio. "Sono come uno scarafaggio...", ha scherzato una volta, "non puoi uccidermi". Ma questa volta, in realtà, Lyra aveva tragicamente torto.
Gran parte del lavoro e delle parole di Lyra riguardavano la verità. Voglio che il pubblico senta l'enorme senso di orgoglio e amore che ha ispirato, sia con il suo spirito indomabile che con la sua determinazione a dare voce a coloro che sono stati messi a tacere o dimenticati".

Produzione
Erica Starling Productions (Regno Unito)
www.ericastarling.com

Distribuzione internazionale
Festival contact
Cinephil (Israele)

www.cinephil.com