Film Giffoni 2022

ROSY

Category: Gex Doc

Marine, una studentessa di 21 anni, scopre di avere la sclerosi multipla, una malattia autoimmune incurabile. Lo shock dell'annuncio, l'urgenza della situazione e la necessità di prendere una decisione sul trattamento da seguire, la spingono a trovare una soluzione dentro di sé. Decide di partire per un lungo viaggio iniziatico in 3 paesi: la Nuova Zelanda per riscoprire il suo corpo, la Birmania per calmare la sua mente e la Mongolia per riconnettersi con la sua anima. Attraverso esperienze indimenticabili, Marine incontra sé stessa e trova un nuovo equilibrio con la sclerosi che lei ha soprannominato Rosy. 

Titolo Originale Rosy
Categoria In concorso
Sezione GEx Doc
Tipologia Documentario, Lungometraggio
Anno di Produzione 2021
Durata 86'
Nazionalità Francia
Regia di Marine Barnérias
Sceneggiatura Marine Barnérias, Anne-Sophie Bion
Fotografia Marine Barnérias, Ronan De Suin, Timothée Hilst, Guillaume Bountidi
Montaggio Anne-Sophie Bion
Suono Sélim Azzazi, François-Joseph Hors
Musiche Matthieu Chedid
Prodotto da Harry Tordjman, Anna Tordjman
Produzione My Box Films (Francia)
orario ingresso 23 LUG - Sala Galileo ore 14:45

COPYRIGHT 2022 my box films gaumont ressources 2021 11 08 ROSY PHOTO 03bMarine Barnérias

Marine Barnérias è la presentatrice di Magazine Littoral su France 3 Bretagne. Seguace di sport su tavola, le piace incontrare e promuovere uomini e donne legati al mare. Nel 2016 le è stata diagnosticata la sclerosi multipla e ha deciso di intraprendere un viaggio iniziatico attraverso Nuova Zelanda, Birmania e Mongolia, per andare alla scoperta di se stessa. Tornata a casa, ha scritto Seper Hero, edito da Flammarion che ripercorre la sua avventura in solitaria, e ha diretto il suo primo documentario, ROSY, prodotto da My Box Films e distribuito da Gaumont, uscito nelle sale a gennaio 2022. Oggi Marine ha anche lanciato una propria casa di produzione, Mooji Smile, che mira a produrre film ed eventi per incoraggiare all'azione.

Dichiarazione della regista

“Non avevo mai pensato, né nella mia testa né nel mio cuore, di fare un film... Sono sempre stata una spettatrice al cinema e ho sempre amato lasciarmi trasportare dalle storie degli altri... Ecco cosa significa avventura: è emozione prima di tutto... E io, dall'alto del mio piccolo metro e 50, mi sono lanciata in questa avventura, più fisica che cinematografica. Quando sono tornata a casa, mi sono resa conto che tutti questi incontri mi stavano spingendo verso la strada della regia... Ma onestamente, all'inizio, niente indicava che questo film sarebbe finito sugli schermi, anzi.
Quando non pianifichi nulla, tutto sembra semplice! Non avevo un obiettivo concreto quando me ne sono andata, nessun risultato da raggiungere. Così mi sono lasciata trasportare dalle sensazioni, i momenti vissuti, gli incontri. A dire il vero, ho solo cambiato telefono prima di partire per poter fotografare ed è lì che ho comprato il mio primo iPhone...nel 2016! Soprattutto l'ho visto come uno strumento per comunicare con me stessa, qualcosa che mi ha permesso di riconnettermi con ciò che sapevo. Ero lontana, sola, avevo molta paura e ansia nel cuore e mi sono detta che era un modo per rimanere in contatto. Detto questo, non ho pensato subito di usare queste immagini per farne qualcos'altro. I miei piani non erano chiari, il mio telefono era sempre sottosopra! In effetti, sono stati gli elementi intorno a me a fare la qualità delle mie immagini, non io. Alla fine, quando ho messo insieme tutto questo e l'idea di farne un film, mi sono detta che sarebbe stato impossibile. Il desiderio di partire con una vera macchina fotografica mi è persino passata per la mente per fare degli scatti davvero belli, ma con i miei produttori abbiamo deciso di fare qualcosa di sincero, partendo da quello che avevamo.”

Produzione
My Box Films (Francia)

Distribuzione internazionale
Festival contact
Gaumont (Francia)
www.gaumont.net