Film Giffoni 2022

NITRAM

Category: Generator +18

Nitram vive con sua madre e suo padre nell'Australia suburbana a metà anni '90. Vive una vita di isolamento e frustrazione, senza mai sentirti adeguato. Questo fino a quando inaspettatamente trova un’amica in un'ereditiera solitaria, Helen. Tuttavia, quando questa relazione giunge ad una tragica fine e la solitudine e la rabbia di Nitram aumentano, inizia per lui una lenta discesa che porta al disastro. 

Titolo Originale Nitram
Categoria In concorso
Sezione Generator +18
Tipologia Lungometraggio
Anno di Produzione 2020
Durata 111'
Nazionalità Australia
Regia di Justin Kurzel
Sceneggiatura Shaun Grant
Fotografia Germain McMicking
Montaggio Nick Fenton
Scenografia Alice Babidge
Costumi Alice Babidge
Suono Steve Single
Trucco Troy Follington
Musiche Jed Kurzel
Interpreti principali Caleb Landry Jones, Judy Davis, Anthony Lapaglia, Phoebe Taylor, Sean Keenan, Conrad Brandt, Jessie Ward, Zaidee Ward, Ethan Cook, Kyan Hugh Mana Walters
Responsabile risorse artistiche Nikki Barrett, Kate Leonard, Alison Telford
Prodotto da Nick Batzias, Virginia Whitewell, Justin Kurzel, Shaun Grant
Produzione GoodThing Productions (Australia)
orario ingresso 24 LUG - Sala Galileo ore 10:00

Nitram Director s Headshot 2 matthew thorneJustin Kurzel

Il primo lungometraggio di Justin Kurzel è SNOWTOWN (2011), presentato in anteprima all’Adelaide Film Festival dove vince il premio del Pubblico. Il film è stato proiettato in oltre 15 festival internazionali tra cui il Festival di Toronto e il Festival di Cannes (Settimana della Critica Internazionale) nel 2012, dove è stato premiato con la Menzione Speciale del Presidente.
Nel 2014, Justin ha diretto un adattamento di MACBETH interpretato da Michael Fassbender e Marion Cotillard, selezionato in concorso al Festival di Cannes nel 2015. Nel 2016 ha diretto l’adattamento di ASSASSIN’S CREED con Michael Fassbender, Marion Cotillard, Jeremy Irons e Charlotte Rampling.
TRUE HISTORY OF THE KELLY GANG, un lungometraggio tratto dal romanzo di Peter Carey, con George McKay, Russell Crowe e Essie Davis, ha debuttato al Toronto Film Festival 2019. Justin è anche il produttore esecutivo della miniserie Apple TV/Paramount SHANTARAM, basata sul libro di Gregory David e prodotta da Anonymous Content.

Dichiarazione del regista

“Negli ultimi quattro anni ho vissuto in Tasmania, dove io e mia moglie abbiamo deciso di allevare le nostre figlie. Lo abbiamo fatto perché non c'è posto più bello di questa terra e di questa gente. C'è uno spirito e una resilienza come in nessun altro luogo. In inverno le tempeste dell'Antartico colpiscono le coste e stranamente la Tasmania si anima di energia, curiosità, bisogno di esplorare, di capire questo luogo e il suo passato.
Tuttavia nel suo passato ci sono fantasmi, terribili tragedie irrisolte, che la perseguitano e si sono adagiate come una nebbia fitta sulla sua squisita bellezza. Questa riflessione è complessa e cauta; ci sono cose di cui è meglio non parlare, un'oscurità da eludere. Le ombre tremolano, ma per lo più rimangono nell'oscurità.
La sceneggiatura di Shaun Grant, NITRAM, è nata da quelle ombre. È stato inaspettato e rivelatore per la sua onestà e il suo genuino desiderio di comprendere e porre domande su uno dei capitoli più oscuri della storia australiana: la sparatoria di Port Arthur del 1996. Lo svelamento del personaggio nelle settimane precedenti la sparatoria è tanto vivido quanto sfuggente, va oltre gli echi del mostro e mi ha messo di fronte a qualcuno che sentivo di aver conosciuto, oltrepassato, ignorato, visto ma poi dimenticato.
Il ritratto che ha inventato, la famiglia che ha creato, la strada in cui vivevano, tutto mi sembrava noto e familiare. Questo graduale disvelamento di un personaggio, il suo smantellamento e isolamento, mi ha portato a pensare a come qualcuno possa evolversi in un leviatano. Quando quella persona era più pericolosa e instabile, come è stata in grado di fare le peggiori scelte immaginabili?
Il momento in cui ci sentiamo più insicuri e incerti riguardo Nitram è il momento in cui compra le sue prime armi. L'orrore di questa scena mi ha parlato della riforma delle armi più di qualsiasi statistica o pezzo di opinione. Ha cristallizzato la tragedia in modo da farmi vedere chiaramente i fallimenti del passato, come le leggi sulle armi abbiano potuto essere facilmente sfruttate dai più vulnerabili e pericolosi.
Fin dal mio primo film, SNOWTOWN, mi sono interessato al motivo per cui alcuni giovani cerchino risposte in una violenza così estrema. C'è un vuoto culturale che porta questi esseri umani ad aver fame di tribù, un'assenza di appartenenza? Quando non c'è chiesa, nessun senso dell'origine, nessun legame con la terra e il paese, qual è la loro bussola, cosa li conduce verso questo bisogno apatico e insensato di distruggere la vita?
Come registi abbiamo cercato di procedere con delicatezza. Sono consapevole che questo film parla di un evento del passato e che preferiremmo guardare oltre. Il dolore è profondo. Dimenticare ci aiuta a sopravvivere, ma la libertà viene dalla memoria. Ho cercato di entrare nell'oscurità per trovare una verità e per comprendere l'inimmaginabile. Non ci sono risposte ma l'eredità di Port Arthur è il nostro albatro, la nostra maledizione, fa parte della nostra storia e mette in guardia il futuro sui suoi pericoli".

Produzione
GoodThing Productions (Australia)

Distribuzione internazionale
Wild Bunch (Francia)

www.wildbunch.eu

Distribuzione italiana
I Wonder Pictures (Italia)

www.iwonderpictures.it