Film Giffoni 2022

SONATA

Category: Generator +13

Questa storia incredibile è successa davvero. Grzegorz Płonka, dopo anni vissuti in completo silenzio, grazie alla tenacia dei suoi genitori, al sostegno di un gruppo di brave persone e alla chirurgia implantare presso l'Istituto del Professor Henryk Skarżyński, ha riacquistato l'udito e ha potuto realizzare il suo sogno più grande: suonare la 'Serenata al chiaro di luna' di Beethoven.

Titolo Originale Sonata
Categoria In concorso
Sezione Generator +13
Tipologia Lungometraggio
Anno di Produzione 2021
Durata 118'
Nazionalità Polonia
Regia di Bartosz Blaschke
Fotografia Tomasz Augustynek Psc
Montaggio Robert Piechnik
Scenografia Alicja Kazimierczak
Costumi Emilia Czartoryska
Suono Tomasz Sikora, Artur Kuczkowski
Trucco Anna Gorońska
Musiche Krzysztof A. Janczak
Interpreti principali Michał Sikorski, Małgorzata Foremniak, Łukasz Simlat, Konrad Kąkol, Irena Melcer, Jerzy Stuhr, Lech Dyblik, Grażyna Sobocińska, Barbara Wypych, Weronika Humaj, Cezary Łukaszewicz, Beata Schimscheiner
Responsabile risorse artistiche Julia Popkiewicz
Prodotto da Sylwester Banaszkiewicz, Marcin Kurek
Produzione Mediabrigade (Polonia)
orario ingresso 22 LUG - Sala Truffaut ore 10:00

SONATA regBartosz Blaschke

Regista e sceneggiatore, si è diplomato in Cinematografia e Fotografia presso il Dipartimento di Radio e Televisione dell'Università della Slesia di Katowice ed ha conseguito un Master in regia presso la Scuola Cinematografica Andrzej Wajda di Varsavia. Nel 2021 ha esordito come regista e sceneggiatore del lungometraggio SONATA. Bartosz ha ricevuto due premi nel concorso SCRIPT PRO: 2° posto per la sceneggiatura del film SONATA nel 2018 e 3° posto per la sceneggiatura FELICJA I JEZUS (Felicity and Jesus) nel 2014.

Dichiarazione del regista

“SONATA mostra la vera storia di un musicista eccezionale, Grzegorz Płonka di Murzasichle, che ho avuto il piacere di incontrare alcuni anni fa. Ho scoperto la sua storia per caso, mentre lavoravo alla sceneggiatura di una serie TV sulle persone con disabilità. Durante la documentazione per questa produzione, che non è mai stata realizzata, ho trovato una registrazione di Grzesiek che suonava la "Sonata al chiaro di luna" subito dopo aver vinto lo "Snail Rhythms" (Festival internazionale di musica per bambini, giovani e adulti con disabilità uditiva).
Il giovane non sapeva parlare, quindi non poteva comunicare o trasmettere nemmeno le informazioni più semplici e basilari. Quando l'ho sentito suonare e ho appreso la sua incredibile storia, ho deciso di dedicare alcuni anni della mia vita per mostrare al pubblico il mondo multicolore di un uomo disabile. Sebbene un lungometraggio permetta di trasmettere un'esperienza del genere in modo sensuale, non è stato un compito facile.
Dopo aver letto la sceneggiatura, Grzegorz mi ha incontrato e mi ha detto: "Bartek, hai scritto una buona sceneggiatura, ma io non ci sono". Mi sono accorto allora che il muro tra la cosiddetta disabilità e la cosiddetta normalità era più spesso di quanto pensassi. Così ho continuato a scrivere le versioni successive della sceneggiatura cercando di entrare ancora più a fondo nel mondo di Grzegorz. Devo molto ai suoi genitori, Małgosia e Łukasz Płonka, che mi hanno aperto le porte del loro mondo, così come a tutto il gruppo di persone che hanno conosciuto Grzesiek in varie fasi della sua vita e hanno voluto condividere con me i loro ricordi.
Ho avuto momenti di dubbio, ma non avevo paura delle sfide artistiche. La più grande è stata quella di creare il personaggio dell'eroe principale. Chi avrebbe interpretato Grzegorz? Dove trovare un attore con il talento di Leonardo Di Caprio, e che a 20 anni suonasse il pianoforte e assomigliasse a Grzesiek? Sembrava massacrante e impossibile...
L'attore Michał Sikorski è venuto in mio aiuto e durante i tre anni di preparazione per il ruolo, è diventato fisicamente e mentalmente un pianista con una perdita dell'udito. Anche secondo le persone che conoscono Grzegorz in privato, è una perfetta interpretazione. Grazie al talento e alla sensibilità di Michał, spero che siamo riusciti a scavare una crepa in quel muro, attraverso la quale possiamo guardare più da vicino il mondo di Grzegorz. E vale la pena dare un'occhiata più da vicino, perché in questa storia c'è una verità nascosta sull'essenza dell'umanità, sull'essenza dell'arte. Per cosa viviamo e per cosa creiamo? Qual è davvero la cosa più importante nella vita?"

Produzione
Mediabrigade (Polonia)
www.mediabrigade.pl

Distribuzione internazionale
Festival contact
IKH Pictures Promotion (Polonia)
www.ikh.com.pl