Mercoledì, 19 Luglio 2017 10:42

Musica e solidarietà si uniscono nella serata Aura al Giardino degli Aranci

Ampliare le iniziative di AURA, l'espressione sociale del Giffoni Experience, a favore dei più deboli attraverso la magia e l'arte della buona musica: è lo scopo della serata musicale in programma al Giardino degli Aranci giovedì 20 luglio con inizio alle 21.

Prosegue così il ricco calendario di eventi organizzati dalla presidente Aura Alfonsina Novellino. La serata musicale si va infatti ad aggiungere all’anteprima ufficiale del GFF che si è svolta per la prima volta nel Cilento – ospitata a Santa Maria di Castellabate alla presenza tra gli altri di Lino Banfi e di Paolo Conticini - e alla tradizionale asta di beneficenza di oggetti antichi, organizzata in collaborazione con Genea Antichità e impreziosita dalla presenza della SHAHAR BAND, gruppo jazz costituito da medici e professionisti che condividono con AURA lo spirito e gli intenti.

“La serata musicale – ha dichiarato la presidente Novellino - rientra nella vocazione della nostra associazione, sempre vicina al territorio e alle realtà che attivamente vi operano. Protagonista sarà il gruppo giovanile salernitano Il Calicanto diretto da Silvana Noschese, eccellenza corale che il nostro territorio può ormai vantare in Italia e all’estero, come confermano i numerosi riconoscimenti ottenuti, l’ultimo, in ordine di tempo, al IX concorso nazionale Il Garda in Coro di Malcesine”.

Composto da cantori di età compresa tra i 14 e i 25 anni, Il Calicanto è nato nel 2000 come Coro di voci bianche, sviluppandosi nel tempo grazie al lavoro di studio e di crescita “insieme” e alla dedizione di Silvana Noschese che propone una formazione su più settori, “perché - spiega Noschese - la musica e il canto sono espressione di cultura a 360°. La nostra presenza al Festival si sposa benissimo con gli obiettivi della Presidente di AURA Alfonsina Novellino perché la coralità è un ponte tra la musica come arte e la musica come comunicazione e portatrice di benessere”.

Variegato il programma proposto dai giovani cantori, che saranno accompagnati dal pianista Andrea Donadio: quattro brani tratti da musical (Vuelie, La Bella e la Bestia, Adiemus e Ricordando Anastasia), una ampia sezione dedicata al mare e infine tre classici della musica popolare, ‘O sole mio, ‘O surdat ‘nnammurato e la splendida canzone di Fabrizio De André Volta la carta, tratta da una antica rima popolare genovese, nella quale il cantautore ribadisce il suo fermo pensiero contro la guerra.

Sul palco si esibiranno inoltre due giovani musicisti salernitani, il flautista Franco Ascolese e il pianista Gaetano Tortora i quali proporranno al pubblico di Giffoni tre brani di Ennio Morricone, tratti dalle più belle colonne sonore firmate dal compositore Premio Oscar.

Non solo musica protagonista della serata di AURA, ma spazio sarà dato anche allo sport come strumento di crescita, affermazione e inclusione sociale. “Abbiamo scelto - ha aggiunto Alfonsina Novellino - di aprire una finestra sullo sport per la sua rilevanza come strumento di educazione e formazione e per la sua capacità di abbattere le barriere, anche dell’handicap”. AURA premierà il giocatore di tennis in carrozzina Salvatore Caputo, rappresentante del Movimento Italiano per i Diritti Umani, M.I.D.U., associazione sportiva impegnata a sensibilizzare le istituzioni sulle problematiche dell’handicap.

“Sono grato ad Alfonsina Novellino – dichiara Caputo - perché mi offre la possibilità di sensibilizzare i giovani ai valori del rispetto, della fratellanza e della pace. Purtroppo ancora oggi ci sono tante ingiustizie per i disabili, nel lavoro, nello sport, a scuola, nella sanità, io continuerò a lottare per me e per chi non ha voce”. La targa all’atleta salentino sarà consegnata dall’assessore allo sport di Giffoni Vale Piana Francesco Cannoniero.