Lunedì, 05 Marzo 2018 15:41

#GIFFONIOSCARS: GLI ACADEMY AWARDS RACCONTATI SUI SOCIAL, TRA I FILM VINCITORI E’ “CHIAMAMI COL TUO NOME” IL PIU’ AMATO DAI GIFFONERS

Migliaia di interazioni e commenti sui canali di Giffoni Experience per tutta la notte degli Oscar. Thimothee Chalamet e Gary Oldman gli interpreti più amati dai Giffoners

La notte più lunga per gli amanti del cinema è terminata e Giffoni Experience ha raccolto sui social le opinioni dei giffoners. Utilizzando l’hashtag #GiffoniOscars, migliaia di utenti hanno commentato la 90esima edizione degli Academy Awards. Grande apprezzamento per “Chiamami col tuo nome”, dell’italiano Luca Guadagnino, che ha conquistato l'agognata statuetta vincendo - a fronte di quattro nominations - il premio per la miglior sceneggiatura non originale. L’autore americano James Ivory, a cui è andato il riconoscimento per aver adattato il romanzo di André Aciman da cui è tratta la trama, ha ringraziato “Luca Guadagnino per la sua sensibilità registica”.

La cerimonia di premiazione, avvenuta al Dolby Theatre di Los Angeles e presentata dal celebre conduttore Jimmy Kimmel, è stata seguita in Italia nella notte tra domenica 4 e lunedì 5 marzo. Un riconoscimento molto atteso, che ha soddisfatto i tantissimi giffoners che hanno utilizzato il canale Instagram di Giffoni Experience per condividere la loro gioia e le riflessioni sull’evento cinematografico più ambito nelle ore precedenti alla premiazione, nel corso della serata e a cerimonia conclusa. Riportiamo qui i commenti più significativi e appassionati che sono comparsi sui social con l’hashtag #GiffoniOscars:

Loredana: “Penso che quest’anno per l’Academy sia stato veramente difficile scegliere. In lizza attori e film di alta qualità."
Aurora: “Trovo che "Call me by your name" sia una storia realistica, che può accadere a tutti. Indipendentemente dall'orientamento sessuale, chi non ha mai avuto un indimenticabile amore estivo? Chi non ha sofferto al termine delle vacanze e quindi alla fine di questa storia d'amore? Inoltre le sensazioni provate dai protagonisti ti arrivano tutte, veramente bellissimo."
Elisabetta: “Contentissima per "Coco"! Uno dei migliori film Disney in assoluto."
Carlo: “Contentissimo per Del Toro, anche se tifavo per “Chiamami col tuo nome”, ma “La forma dell’acqua” ha il suo perché."
Mattia: “Sono stati degli Oscar abbastanza nuovi. Molti film a tinte indie e produzioni interessanti. Riguardo le statuette nessuna sorpresa, solamente la speranza personale in un sorpasso all’ultima curva sulla Mcdomand, ma anche questa scelta dell’Academy non va contestata nel momento storico. Del Toro finalmente capito e premiato."
Adele: “Tutto secondo i pronostici... la cerimonia degli Oscar raramente sorprende da questo punto di vista... comunque Timothée Chalamet ha vinto l' Oscar per l'eleganza! A proposito, quando lo inviterete?”
Giulia: “Super soddisfatta per Gary Oldman! È un attore incredibile e la sua interpretazione di Churchill è stata pazzesca!”
Isabel: “Non ho nulla da dire sulla vittoria di Gary Oldman e degli altri premi come miglior attore. Sono orgogliosa per quanto riguarda "Call me by your name", speravo in più premi ma quello per miglior sceneggiatura è più che meritato. Gary Oldman ha finalmente vinto l’Oscar tanto atteso e vederlo sul palco mentre faceva il suo discorso con il cast di "Call me By your name" che sorrideva è stato toccante.”
Giulia: “Meritatissimo l'oscar per Gary Oldman, la sua interpretazione è stata sensazionale e mi ha lasciata senza parole. Un film che ha mi trasmesso tante emozioni proprio attraverso il suo personaggio”.

E se l’Italia festeggia per la vittoria de “Chiamami col tuo nome”, tra i film più acclamati dai giffoners anche “L’ora più buia”, valso un Oscar come migliore attore protagonista a Gary Oldman, seguito da “La Forma dell’acqua”, che ha visto trionfare - dopo la vittoria alla Mostra del cinema di Venezia lo scorso anno - Guillermo del Toro, con il miglior film e la miglior regia. “Dunkirk” di Christopher Nolan ha portato a casa tre Oscar tecnici (miglior montaggio, miglior sonoro e miglior montaggio sonoro), mentre “Tre manifesti a Ebbing, Missouri” ha visto trionfare la miglior attrice protagonista, Frances McDormand, e il miglior attore non protagonista, Sam Rockwell.

“Io, Tonya”, che dava Margot Robbie come favorita al premio per miglior attrice protagonista, ha visto la vittoria, invece, di Allison Janney come migliore non protagonista. Il miglior documentario ha premiato “Icarus”, di Bryan Fogel e Dan Cogan, mentre “Blade Runner 2049” si aggiudica gli Oscar per i migliori effetti speciali e la miglior fotografia, lasciando così a mani vuote l’italiana Alessandra Querzoli, che del film ha curato la scenografia. Il premio per quest'ultima categoria è andato a “La Forma dell’acqua”. “Coco”, della Disney Pixar, ha portato a casa i premi per miglior film d’animazione e miglior canzone, mentre a sorpresa l’horror “Scappa - Get Out” è stato premiato per la migliore sceneggiatura originale. Tra le premiazioni inaspettate anche quella a Kobe Bryant: l'ex cestista Nba ha vinto l'Oscar per il miglior corto animato con "Dear basketball", disegnato da Glenn Keane e ispirato alla lettera con cui il campione dei Lakers ha annunciato il ritiro dal'attività sportiva agonistica nel 2016.

Last modified on Lunedì, 05 Marzo 2018 18:39