Martedì, 28 Novembre 2017 15:46

10 anni della Fondazione “À voce d’è creature”: premiato il direttore del Giffoni Experience Claudio Gubitosi

La fondazione “À voce d’è creature” compie dieci anni: per l’anniversario il presidente Don Luigi Merola e tutto il quartiere dell’Arenaccia hanno festeggiato la ricorrenza insieme a cittadini e autorità. Un’occasione, quella di martedì 28 novembre, anche per premiare il direttore del Giffoni Experience, Claudio Gubitosi, per l’impegno profuso a favore dei ragazzi.

“Nella sede confiscata alla camorra, in compagnia di tanti giovani, autorità, magistrati, militari di tutte le forze armate, abbiamo partecipato ad un evento sentito e vissuto con commozione ed orgoglio – ha detto Gubitosi - è stata l’occasione per ripercorrere il lavoro svolto, nel corso di questi 10 anni, da Don Luigi in una zona difficile e sensibile della città di Napoli. 1000 ragazze e ragazzi sono stati tolti dalla strada e avviati ad una vita diversa”. Durante la serata sono stati consegnati alcuni attestati di stima a personalità che si sono distinte nella lotta al crimine, nell'accoglienza ai rifugiati, nell'aver attivato iniziative a favore dei giovani che vivono momenti di difficoltà. 

“È stato un onore per me ricevere questo riconoscimento - ha aggiunto Gubitosi - ho salutato con affetto i Cardinali Sepe e Renato Maria Martino, con i quali mi sono intrattenuto in un cordiale colloquio. È stata anche l’occasione per rivedere e salutare il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, il prefetto di Napoli Carmela Pagano, il sottosegretario alla difesa Gioacchino Alfano, il prefetto di Salerno Salvatore Malfi, il questore di Napoli e amico Antonio De Jesu, l’avvocato generale della Procura di Salerno Erminio Rinaldi e il presidente dei giornalisti salernitani, Enzo Todaro. Presente anche Cristian Maggio, calciatore del Napoli”.

Uno sforzo potato avanti con impegno per migliorare l’esistenza di centinaia di giovanissimi, offrendogli prospettive di vita lontane dal baratro della criminalità. “Abbiamo fatto ancora poco - ha dichiarato Don Merola - bisogna impegnarsi sempre di più. La nostra città non ha solo i baby boss, ma anche tante eccellenze che noi come operatori, istruttori ed educatori cerchiamo di far crescere nel migliore dei modi. Dopo dieci anni siamo soddisfatti di questo e del lavoro che, quotidianamente, mettiamo in campo contro la violenza e l’illegalità”.

Un lavoro costanze di cui anche il Giffoni Experience è orgoglioso: “Grazie Don Luigi - ha concluso il Gubitosi - quello che hai fatto è fondamentale. Un abbraccio a tutti quelli che ti affiancano nelle sfide di ogni giorno: Giffoni ti è vicino”.

finanziatoda nuovo