Giovedì, 20 Luglio 2017 19:02

Carolina Crescentini ai giffoners: "I registi di domani hanno lo zainetto"

"Le domande dei giffoners sono sempre le più belle": Carolina Crescentini non si risparmia e risponde con generosità alle curiosità, tecniche e professionali, che arrivano dalla platea della Sala Truffaut nella settima giornata del Giffoni Film Festival 2017. Applaudita in sala per il ruolo del sostituto procuratore della Repubblica Laura Piras, interpretato ne I Bastardi di Pizzofalcone - di cui stanno per partire le riprese della seconda stagione come annunciato al GFF dalla direttrice di Rai Fiction Tinni Andreatta -, l'attrice non ha potuto evitare una domanda sull'amatissimo personaggio di Corinna in Boris. "Quel personaggio mi faceva sudare tantissimo. E' faticoso recitare male: per riuscirci bisogna concentrarsi tantissimo e credere in quello che fa il personaggio, altrimenti finisci per giudicarlo". A proposito di giudizi, di certo i social - tema affrontato nel suo ultimo film, Beata Ignoranza - hanno esasperato il rapporto tra pubblico e artisti: "C'è una strana malattia dietro i social. Non so davvero se tutti debbano avere diritto di opinione. Lo so, è una provocazione, ma davvero mi chiedo dove siano quelli che urlano dietro lo schermo del computer. Di certo non sono in piazza altrimenti sarebbero cambiate già tantissime cose in questo Paese".

Non ne nasconde il valore promozionale per il cinema, tanto più che ci sono tanti ottimi registi penalizzati da distribuzioni sbagliate ("Penso a Index zero di Lorenzo Sportiello") o in attesa di validi produttori: in questo senso il passaparola resta una risorsa. "Per il resto però i social sono la terra della vanità. Io li uso essenzialmente per restare in contatto con i miei amici, ma il principio è 'Vengo visto, dunque sono', anche se poi ciascuno dà di sé un'immagine migliore di quella che ha perchè ha bisogno dell'approvazione degli altri". A Giffoni, invece, l'atmosfera è decisamente diversa: "La cosa bella di questo Festival è che qui ci si scambia idee, ci si conosce e si coltivano anche i dubbi, il vero modo per imparare a pensare".

"Studiare, studiare, studiare e resistere - consiglia l'attrice ai ragazzi che vogliono diventare attori - perché siamo molti più attori che ruoli. Ci saranno sempre momenti difficili, non dipende che livello avrai raggiunto, incontrerete persone che vi faranno passare la voglia di continuare o che vi illuderanno. Siate sempre convinti di quello che volete fare".

Nel suo futuro non esclude un ritorno al teatro, frequentato agli esordi in tanti localini off di Roma insieme ad amici ormai affermati nel mondo del cinema, come Massimiliano Bruno che l'ha diretta nel suo ultimo film: "Ho deciso di fare Beata Ignoranza proprio perché avevo una gran voglia di lavorare con lui" dice, elencando poi tra le migliori risorse del cinema Claudio Giovannesi e Claudio Cupellini, tra i suoi amici fin dai temi del Centro Sperimentale. Per adesso la Crescentini si gode il ritorno a Giffoni: "Ho visto passare Bryan Cranston! Fatemelo incontrare, voglio diventare amica di Walter White!" dice con lo stesso sorriso di tanti altri ragazzi arrivati per incontrarla. E per magia l'attrice si trasforma in giffoners: magia del Giffoni.

Last modified on Lunedì, 24 Luglio 2017 16:57

finanziatoda nuovo